Racconti

ANNAMO! PE’ NA MELA?!.

Via! ‘Sto fatto de la  mela,
nun par’a voi esagerato?.

Ier’ar banco der mercato,
un barbone malannato,
proprio un pomo m’ha fregato.
Nun sò gnente de Sapienza,
e nemmen, Bontà e Potenza,
ma,io, nun persi la pacenza!.
Ar meschin, pe’ penitenza…
‘nantro frutto j’ho allungato;
er peccato ho perdonato,
e  mi fijio s’è sarvato
d’ess’in croce inchiavardato!

Ateo io?! Noo!

Nun ce crederete, ma io, un dio ce l’ho!. Nun cià battajioni d’angeli che je vorticano intorno.Nun cià un uccello saccente appollacchiato su la capoccia,ne ‘na mojie ingravidata pe’procura; e manco un fijio che,j’appioppa su la gobba,na caterva de santi e beati pell’eternità.

Er dio mio, è un tutt’uno coll’infinitamente piccolo e coll’ l’immenso. Lui,nun me fa balena’un paradiso,e nun me spaura co l’inferno.
Io,lo ringrazio si,che me fa campà.Ma sora tutto, perché nun pretende gnente in cammio!.

 

Er garbujio de”l’immacolata verginità”.

Potete puro damme der miscredente,ma pe’me, sta storia de la verginità è ‘na faloppa madornale!.Come?!: Io sarebbe Blasfemo?,Me volete carcera’?!, Armeno dateme er tempo de spiegamme!.Ecco:

Me concedete che Giuseppe nun fusse cussì tirchio da negajie  ‘na mammana?.Si?.Allora, ve pare a voi, che vedenn’ er regazzino fa’ capoccella senza fragne quella cosa,lei,nun annasse a propala’ ai quattro venti sto fatto portentoso?.E che in breve tempo sto gran miracolo, nun fusse riportato in tutto er monno romano?!.
Invece,gnente!. A parte li vangeli,stesi cent’anni dopo,nessuno de quei tempi ne parlò; tanto meno ne scrisse. E, vède che la notizia de la nascita d’un vitello a due teste,in un mese, fece er giro de l’impero!.Me volete ancora mannà a Reginaceli?!.Nun ve dice gnente sto  silenzio incredibbile? Nun ve pare un ciancinino strano?!.

FRANCESCO:” L’INFINITA BONTA’ “. “IL DIO DELLA PACE”.

A France’,io, sendo che già a dieci anni m’hanno messo a fa’ er garzone de bottega,ciò solo le elementari,e nun me impancherei mai a ragiona’ de curtura co’voi.Però avenno letto pe’ conto mio,pur a spizzichi e bocconi, la Bibbia,metto mano solo ar bon senso,e ve vojo fa’ sto’ ragionamento.

Dunque,quanno da quer barcone,ce parlate de dio infinita misericordia, bontà, e che ce riccomanna  pace,e toleranza,credo ben ch’intendete la trinità,cioè tre persone che, sendo in un  unico dio,nun pozzino di’,e fa’cose contrarie. Fin quà ce semo? Si?.
  E allora, come puo’ er fijio,di:”Amate i vostri nemici,anzi,fateje der
 bene”,quanno er padre,dice all’ebrei:”Sgozzateli tutti,Cananei,
,Amaleciti,Madianiti,Gaboniti,Moabiti,uomini,vecchi,donne,
pischelli e,In caso…teneteve solo vergini da scopa’ “!?.  Nun me negherete che, fijo e padre, siconno voi unico dio,,quà, la pensino proprio, a l’opposto più opposto!.
In quanto poi sia la Legge,er padre dice:” Dente per dente”. Er fijo:
“Porgi st’antra guancia”,Er padre vole l’abbacchio,e, er fijo,ce fa magna’ la sua carne e er suo sangue .Javè, li porci li schifa,e, Cristo,  dice alli sua:”Fatevene puro braciole,sarsicce, e prosciutti”,Er padre vole che nun se lavori er sabato. Ar fijio invece  sta bene la domenica!.
Insomma,France’,a me ch’a pett’a voi so’ n’ignorante, sempre  solo co’quer  cinìco de bon senso, pare proprio, che de le tre persone, ar padre,pe’ voi”bontà infinita”,je se c’è ispirato Hitler!!.
E che er fijo,più che trovasse d’accordo in un unico dio,cor padre, ce fa a cazzotti!!.

 

CAZZIATONE DEL PADRE AL FIGLIO

Quer ch’a me, me fa gira’ li zebedei,
 é che t’avea mannato a guida’ l’ebbrei,
 e o pe’dispetto,o puro sia quer che sia,
 te sei capato tutti, for che li mia!
 Pacenza!. Ma, nun sta in cielo, ne in terra,
 lassàrmece giù, più che pace, guerra.
 Perché, li cristiani, detti fratelli,
 da subbito,se so’fatti a brandelli!.
Tua madre,poi,ne fa de crude e cotte!.
E’ sempr’in giro; piagne;va pe’ grotte!.
Tutte l’apparizion son er momento,
de scroccà ‘na chiesa,overo un convento.
E per famme ingoia’ un  magon piu vario,
a tutti insegna a blatera’ er rosario!.
Mommò, puro er sole me va a sfruculia’!:
Lei je comanna,e, a lui…je tocca balla’!”

 

 

GESU’ NACQUE POVERO

Povero lui?! E c’è da crèdecce, perchè lo dice Franceco?!. Ma, la capoccia, te serve solo pe’ portattela a spasso sur collo?!.Stamm’a senti': Ortre la mammana e li pastori, chi annò a trovallo ne la stalla?.  I magi, nun te risurta che fussero un ciancinino re?!. E che je portorno? Caciotte e ricotte?!.Ciumba! Oro, puro incenso e mirra che valeveno artrettanto!…Ah, questa la sapevi. E allora,capoccione, nun te pare a te che Giuseppe,se nun se li bevve a l’osteria, co’ tutta sta grascia, se  potesse  compra’ armen ‘na segheria?!.

LA DOVEMO USA’ O NO?

Vedete don Vincenzo mio:

se, come dite, è stato dio,
a rigalacce un po’de sè,
m’avete da spiegà er perché,
tutto quer ch’è riliggione,
s’ha da credello pe’fede,
carpestanno la raggione?!.

 

PACE E TOLLERANZA

Oggi  ho inteso er nostro Francesco,che  dar barcone, je dava dentro co’ un pistolone su la pace e la toleranza.

Ste due, so bellissime parole, e me farebbe piacere, ch’in arto, armen’a quarcuno, addrizzassero le recchie. Adesso,però c’è da decidesse, visto che sulla capoccia, li papi, pe verità della fede, cianno  sempre avuto appollacchiato lo Spirito Santo, come mai, la maggioranza, dell’antri successori di Pietro, pace? De che?! Per dumil’anni hannondichiarato guerre, aizzato cristiani uno contro l’antro e benedetto li massacri, fatti dall’eserciti propri o dell’ alleati?!.

In quanto poi a toleranza, c’è da pensa’ che quelli, nun conoscesseno manco la parola!
Tanto,tanto, che uno nun fusse daccordo doppo, tortura, o te l’appennevano o,mejio me sento, lo faceven’arrosto!.
Allora,caro  Francesco, me par’a me,che nun se scappa! O,’sto Spirito,nun l’ha mai assistiti o s’è sbajiato pe’dumila anni,e solo co’ te principia a ragionare,o proprio,nun è mai esistito!.

 

LA “CONVERSIONE”

Cavarcava Saulo co suoi scherani

annann’ar solito a scovar cristiani,
quanno, de na gran saetta pel fracasso,
fu scavallato, e scapocchiò in un masso.
In fronte un ficozzo, rincojonito,
 s’arzò tutto cecato e convertito!

 

 

PAPA LUCIANI E’ MORTO, A CAUSA DI UN INFARTO”

Si tu ce voi stà, stacce!.

 Ma pe’me, son sol che fregnacce!.
 Un papa tosto,montanaro,
 ch’aveva ancora er gusto raro,
d’anna’,cardinal,in bicicletta!
che nun je dava de forchetta
 ch’amava tanto la natura
 gnente fumo e solo acqua pura,
 me giucherei mazzolo e squarto,
 che fu velen antro ch’infarto!!”.

I GATTI:”INCARNAZIONE DEL DEMONIO”

Una delle innocenti manie del mite Benedetto, ora papa emerito,sono i gatti. Già da cardinale, per Borgo Pio,si fermava a salutare quelli che incontrava,e, alle volte,perfino, parlava loro in dialetto bavarese!.Eletto papa, amava passeggiare per i giardini vaticani, seguito da una dozzina di simpatici felini.Sappiamo anche, che il suo preferito è un bigio di nome Chicco.

Non la pensava certamente così il suo predecessore Gregorio nono,che nel1233,lanciò una crociata di sterminio contro,i poveri mici,asserendo,certamente illuminato dallo Spirito Santo,che erano la vera e propria incarnazione del demonio. Da allora fino a tutto il settecento,le bestiole venivano bruciate in massa nelle piazze;sui roghi assieme alle loro
 padrone; lanciate dai campanili nei giorni di festa;torturate e scuoiate vive,per scongiurare epidemie,tanto che,in quattro secoli,arrivarono
sull’orlo dell’estinzione.
Per nostra fortuna, i contadini, nelle campagne, sapendo quanto fossero indispensabili i gatti, per contenere il proliferare dei roditori, disobbedirono
  ai parroci,e a loro rischio e pericolo salvarono questi nostri meravigliosi, insostituibili amici!.

ER BON SENSO A L’OSTERIA

“…Insomma a me, sto riscatto der peccato originale, me pare ‘na fregnaccia!. E penso che, puro ‘sti zucchetti rossi, che pe’ frega’ l’orbo, cianno tre lauree, nun pozzano crède davèro, che,a un dio onnipotente,che fa gira’come trottole mijiardi de  galassie, j’abbisogni de fasse ammazza’,e perché?:Pe’ rimedia’ ‘na corpa,commessa quarche mijion d’anni  prima, da due criature,che staveno su ‘na purce de pianeta,che vola attorn’a uno dei quattrocento mijiardi de soli,de’na galassia!. Ma, annàmo! E’n’enormità!. Anche ragionanno senza lauree,questa, dentro,l ‘avranno pensata. Se poi la Bontà Infinita, d’ordinario,perdona settanta vorte sette, invece d’arma’ ‘sta sceneggiata, pe’ ‘na magagna sola, magari doppo un solennne cazziatone, é piu de bon senso,ch’avrà perdonato puro quei due, risparmianno a sè,e a noi,tutta ‘na serqua infinita de casini!.”

 

RIFLESSIONE

La Chiesa, ci garantisce che è lo Spirito Santo,che ispira il conclave nella scelta dei papi e che poi, li assiste nel ministero.
Ci dice anche che lo Spirito è una delle tre persone che formano la divinità,cioè è dio stesso.
Adesso ditemi voi: come può essere Infinita Giustizia, Infinita bontà un dio, che per almeno cinquecento anni fa eleggere e assiste papi, che creano, organizzano, sostengono l’inquisizione, premiano, beatificano i suoi macellai, rei di un numero infinito di torture, di delitti, compiuti nel nome di Cristo!!.
Converrete che, non si scappa: O non è dio che sceglie, questi assassini, O dio non è quell’infinito galantuomo, che ci vogliono far credere.
O di noi non si interessa. Oppure, proprio, non esiste!

 

UN POPOLANO BUON CONSIGLIO.

Me saressi più simpatico Francesco,
s’arzannote dar letton, una matina,
  nun carcassi più in capo la papalina,
danno così, a la capoccia un po de fresco
e principia’ na giornata, senza casco,
coll’idee che la religion tiè in cantina,
libere de ragionar ne’ l’aria fina.
Se poi, de na caciotta nun poi fà senza:
Via! cambia armen, c’un basco la penitenza!

RIFLESSIONI.

Gli scienziati, computano quattrocento miliardi di stelle solo nella nostra galassia. Alcune, hanno una massa, molte volte più grande del sole. Ponendo in media, 5 pianeti, a stella, ne otterremmo 2000 miliardi, solo qui intorno a noi. E’ vero che un pianeta che offra tutte insieme le condizioni tipo della vita sulla terra, è  difficile da trovare, nei numeri piccoli o medi,ma su 2000 miliardi, si può ragionevolmente ipotizzare che ce ne siano almeno, qualche centinaia di migliaia,con caratteristiche simili e favorevoli all’esistenza,come la intendiamo. Più, altrettanti che potrebbero supportare modalità di vita differenti: con atmosfere di metano; solo grandi oceani o ambienti così diversi dal nostro, da annebbiare persino la fantasia. Stiamo parlando della sola Via lattea, galassia di medie dimensioni. In tutto l’universo di sue sorelle ce ne sono fantastilioni!!.

Dove va a parare ‘sto pistolotto? direte voi. Ecco la riflessione. Come fa una consistente parte   dell’umanità, a farsi guidare ancora da religioni che, ingiungono di sottomettersi a un dio” infinitamente sapiente”(cioè che sa proprio tutto) e verità somma ((cioè, che non può assolutamente dir bugie), che racconta un universo, in cui ha creato prima, la terra al centro, a nostro esclusivo beneficio e poi il sole e le stelle, che le girano intorno(!!) ma, solo,come lampade per illuminarla!!.

IL PARADISO? SI, MA….

Voi me dite, don Nicola,

che, quer giorno, in cielo vola

 ogni sia anima, ch’in vita,
 s’è giucata la partita,
 de dolori e patimenti,
de disgrazie,de tormenti,
sopportanno,co’pacenza,
fin all’ora de partenza.
Me starebbe puro bene,
d’ingoia’ tutte ste pene,
ma,dovreste garantimme,
che lassù, poi in eterno,
ce sarà da  divertimme:
Vino, musica, pischelle,
e da magnà a crepapelle!!

GENESI ALL’OSTERIA…:

“Ah! Ma allora ce sei ,nun ce fai!.Io,la capoccia tua, vorrebbe oprilla ,pe’ conta’ le pigne che ce stanno!. S’ho inteso, pe’te,la bibbia co ‘sta genesi,ce verreb’a ricconta’ la creazzione de luniverso e dell’ommo,pe’ filo e pe’ segno,come fu veramente,visto che a dio, verità infinita,nun je po’scappa’ manco ‘na bugietta piccola piccola, Adesso, se me stai a senti’, puro si ciò poche speranze, provo a fatte capace der contrario.

 Dunque: tutto l’orbe teraqueo, oramai, sa,che doppo quarche mijardo d’anni da quer botto tremenno,principiarono a formasse, prima le stelle come er sole nostro, poi, ma proprio tanto, li pianeti come la tèra. Che ce vo’ fa crede invece la bibbia?: Che,prima, dio creò la téra ,e che poi, creò er sole,ma, come ‘na lampada!,solo  p’illuminalla!. Ce l’hai de legno,ma nun se po’ nun consentì che,sta “Verità” nun pare proprio “summa””!!…..Come?! Er frate t’ha detto, che dio, parlanno a ‘na manica de pastori ignoranti,l’ha dovuta buttà giù in soldoni?. Ma che stà a di’!?.Svèjate!: Antro che “soldoni”:  Er fatto de sostene’ che la tera ce stava prima del sole a casa mia se chiama bufala!. Sarebbe come si tu m’affermassi d’ave’ magnato un lepre, prima d’avello pijiato,e pretènne ch’io te creda!.  Amìrcare! Me se sta a secca’ er gargarozzo! Pòrtace ‘nantra fujetta;ma no sta ciofèga!….. Questo! ,questo si ch’è  bono!… Viene un po’de più? E chi se ne frega!…. Allora,che c’era rimasto?. Ah :la fabrica dell’omo.
E qua, se pell’universo  non ce fu un bruscolo de “verità summa”,la storia dell’ommo, fa sprofonna’ senza rimedio,tutte l’antre “qualità infinite”: sapienza, potenza, bontà.
 Mo, lo dimann’a te: “Je daressi tu de l’onnisciente a uno che fa angeli,che poi je se vortano contro?. Che fa l’ommo,che je procurerà na caterva,questa si infinita, de guai?.Che tra tutte quelle che je podeva da’,l’accompagna a”na stronza? Che quanno sti due sbajieno,nun trova altro modo p’arifasse d’un pomo, (lui onnipotente), che mannà, (lui bontà summa) er fijo su la croce?!.
Che me dici adesso?! T’è entrato,o nun c’è proprio verso?!…. Va ‘bbe’! Pacenza! :Sei de coccio!. Amircare,quà n’antre due fujiette!!…Offro io s’intende!.”

IL CARCERE MAMERTINO, LUOGO SACRO PER LA PRIGIONIA DI PIETRO

Ma che v’inventate?!. Sti ciuffoli!.Pe’me, la storia, è tutta ‘na fregnaccia e se me state a senti’ ve ne farò capaci.

Dunque, chi ce schiaffaveno ner Mamertino li romani?: De diritto, solo li re ,li principi vinti,li grandi nemici de Roma,fino ar trionfo der generale che l’aveva inchiapettati. Quer giorno, li faceveno scarpinare in catene davanti ar carro der trionfatore. Riportati poi ar Mamertino,, senza tanti comprimenti te li strangolaveno!.  Pe’tutti l’antri:briganti de strada, assassini,delinquenti, schiavi,ce staveno le carcere comuni, fintanto che nun li mannaveno a fasse  sbrana’ dalli leoni ner Colosseo,o a fasse inchioda’ su le croci.
Allora,chi era Pietro pelli Romani?:Solo un  delinquente incendiario,ingabbiato coll’antri ne le comuni ,e poi crocifisso. Pelli cristiani e li papi de trecento anni dopo,quanno Costantino, liberò la religgione, Pietro era,invece, er principe dell’Apostoli,e sendo che nun ce staveno notizie d’in dove fu carcerato,se figurarono che,come principe, je fusse toccato el Mamertino,carcere che spettava solo  alli grandi personaggi!”….
” Ma,allora, er butto d’aqua che lui averebbe fatto scaturi’ lì,dar pavimento,pe’ battezza li carcerieri?. ” “Puro questa s’è  rivelata ‘na bufala! L’urtimi scavi infatti, hann’accertato, che la sorgente ce stava già dall’ottavo secolo, avanti Cristo,e, che prima che la grotta diventasse carcere,era gia venerata dalli locali, come casa de’na ninfa, quanno che  Romolo, nun aveva ancora manco pensato de mette sù Roma!!.
E mo, confido, che chi nun è de coccio….. “.

QUER MISTERO BUFFO DE LA TRINITA’

Don Gino,ancora nun ci arivo a capi’
‘sto garbujio vostro de la Trinità!.
  S’er padreteno,cià messo un po de sé,
 quanno co’ ‘no sputacchio e un soffio ce creò,
  me dovete fa’ capace der perchè,
  si noi de lui ce mettem’a ragiona’,
  dite, che la fede, a tutto je dà giù,
  e , proprio con dio,sto dono suo nun và!!

FRANCESCO IN ASIA:”NON SI UCCIDE IN NOME DI DIO!”

Qualcuno ha la faccia come….

Tutti i misfatti che elencherò,sono stati ordinati o approvati da suoi predecessori,sempre in nome del Dio cristiano,e raccontati con orgoglio da cronisti cristiani!
1) Ottenuto il riconoscimento di:”Fede dell’impero”, il cristianesimo, dal quarto secolo al sesto,ha trucidato un numero incalcolabile di pagani,e loro sacerdoti.
L’imperatore cristiano Teodosio è arrivato perfino  a far giustiziare dei bambini sorpresi a giocare con statuine pagane!.
2) Nel 742, Carlo Magno,con la benedizione del Papa,fa decapitare 4500 Sassoni che non vogliono convertirsi.
3) I Crociati,presa Gerusalemme,in nome di Cristo, trucidano indiscriminatamente,tutti quelli che incontrano:sessantamila abitanti!,Lo stesso fanno nelle altre città che conquistano,
 4) Nel 1300,Innocenzo terzo,,fa sterminare ,in Francia 70.000 Catari.Presa l’ultima loro fortezza,alcuni abitanti ,terrorizzati,si rifugiano in una chiesa,Un ufficiale riferisce al Cardinale comandante, che tra i rifugiati ci sono anche dei cattolici. Come  distinguerli??.Il prelato risponde:”Ammazzateli tutti! I cattolici, andranno in paradiso; i catari all’inferno!”.
5) Dal 1200 al 1700,la Santa(!!) Inquisizione,tortura, impicca,brucia ,nella sola Europa,sempre in nome di Cristo trecentomila tra povere donne, ritenute streghe,e i cosidetti “eretici”,cioè cristiani la cui colpa era quella di non appecoronarsi.Solo l’inquisitore di Spagna Torquemada, si vantava di aver mandato personalmente al rogo,10.000 disgraziati.
6) Nel 1574 Pio V,Ordina di eliminare fisicamente la setta cristiana degli Ugonotti. La strage fu organizzata così bene, che nella sola notte di . S.Bartolomeo, se ne sgozzarono a Parigi,20.000!!.
7) Nel 600, il Papa indice una crociata contro i protestanti. La guerra dura trent’anni, devasta l’Europa,con atrocità inerarrabili tra cristiani! Truppe cattoliche spagnole ,dopo la presa di Brandeburgo protestante,,sbudellano la metà degli abitanti!.
8) Dopo la scoperta dell’America, i conquistadores aizzati dai frati al seguito, decapitano gli abitanti di interi villaggi che non vogliono ricevere il battesimo.
E, ho enumerato nemmeno la metà  dei delitti  compiuti, senza interruzione,per 2000 anni,  dai  cattolici,in nome di un dio, che del resto, invocavate,fino a poco fa come:” Dio degli Eserciti”:

CAINO DICE LA SUA….

” Quanno ch’er Principale cia mannat’a di’ ch’avevimo da paga’ l’affitto,sendo che nun se sapev’ancora che fussero li bajocchi,mi fratello Abele,pastore,lo pagò co n’agnello.

  Io, che fo l’ortarolo: co’  ‘na  corba de patate, fagioli, cavoli, zucchine, insomma, li prodotti mia.

 E, quello, nun gradì solo la robba d’Abele, che je fijia da sola, e schifò la mia, che ho da sudammela, aranno, seminanno, inaffianno,riccojienno !?.
A gionta, quella frasca de mi’ fratello,prese a cojionamme:”Io so’ er preferito e tu…sei ‘na cacchetta!!”.Vorrei vède si a voi nun sarebbe sartata la mosca al naso!. Un giorno nun seppi più tenemme. Nun é vero che lo scannai . Arzai er bastone,e, in do cojio, cojio,j’allentai ‘na tortorata.
Che ne sapevo io ch’era ‘na femminella, co la capoccia de ricotta!?: Purtroppo.  quer colpo solo lo seccò!.
Subbito me pentii de st’azionaccia:Ma er Padreterno, tanto s’inviperì,che perse pure la capoccia. Maledennome, dissse che, pe famme soffri’ a lungo, me stampava adosso un segno perché, riconoscennome,”l’antri” nun m’ammazzassero!!…Avet’inteso?
Tanto era fori de se, da scordasse, che tranne me, mi madre ,mi padre sulla terra ancora  “antri” nun ce ne staveno!!

PULVIS ES ET IN PULVE REVERTERIS

Ogni quar vorta m’incoccio co’ don Gino,

sendo er caso,che risurta mi’cuggino,

e che nun me vede mai alle su’funzioni,
è tutta ‘na frollatura de maroni!
 o si ve piace,un giramento de sfere,
 ch’in fonno cià sempre:”In purve revertere!”.
 ‘Sta cana purve, ormai è un fatto personale,
 che, quann’all’urtimo sarò ar capezzale,
  per gusto de fregalla, prima de morì,
  comannerò alli mia de famm’incenerì!

ER MIRACOLO DER SORDOMUTO

( Se credete ar miracolo,potete tranquillamente crede, ch’er sordomuto… sapesse scrive!)

” Ma,allora sete de coccio!: Le dimanne avete da scrìvemmele,come facc’io co le risposte!…..
 Ah!:volete sape’ com’annò veramente co quer predicatore girovago. Va be':offriteme ‘na fujietta,che mo’ ve la stenno.
Gnente: me n’annava pelli fatti mia,quanno me s’accosta,un roscio,co’ ‘na dozzina de giovinotti,e, me dimanna quarche cosa. Io,je faccio capi’ che nun l’intenno,sendo che so’sordomuto.
E,lui, che fà?!: m’acchiappa pelle recchie,tutto soridente; m’opre  la bocca,e…nun me ce sputa dentro?!.  Li sua gistìcoleno de gioia. In confusione com’ero,finisco de fa’ l’alegro pur’io,e, pe’ tene’bono er matto,j’abbozzo un inchino,e, me la squajio…Quest’è tutto…….
AH!:lui va dicenno in giro ,che m’a reso parola e udito….’Sti cazzi!:L’uniche cose ch’o inteso,furono,la tirata d’orecchie,e,ch’er Signore je ne renna merito.quer gran sputacchio!!”

ELOGIO DELLA PAZZIA

 Da quanno tutti me pijieno pe’ matto,

  è proprio come s’avesse vint’al lotto!.
   Pozzo di’ ch’è notte,quann’è giorno fatto;
   che sprenn’er sole,anche se vie’ giù a dirotto,
   e, antre fregnacce, senz’esse contraddetto!.
   Che’, si cià da ruga’quarche zerbinotto:
   ‘n’occhiataccia,e,te lo riduco,no straccetto!.
    So’ li frati, poi,er boccone mio più ghiotto!:
    Vonno benedimme,ma, si ne fanno l’atto,
     coll’occhi de fora,me je faccio sotto!.
     Quelli sbiàncheno,e, io,me godo ‘sto giuchetto!

ADAMO DICE LA SUA SUA…

Facile pijàssela con me!

I fatti, s’ha da sapelli,s’ha!!.

 Dunque,vedemo!:Come se deve senti’ , uno, che,da prima de nàsce’,  la madre, nun ce l’ha, e, ch’er padre,”amore infinito”, lo tira sù a fanga,e sputi; asputi, e fanga!?. Ciumba! .  Puro, quanno , m’ha fatto re dell’animali, principiavo a sta’ bene.Tutti m’obbidiveno; me portaveno er mejio de la foresta,e, pe’quella… faccenna, ci avevo ‘na pecora,che!….
Insomma,mi mojie,io, nun je l’avevo chiesta!,E,pensavo:” Che me ne devo fa’?”.  E, lui!?: M’ha tajato na costola,pe’fammela,m’ha tajato!.
   Dico: n’onnipotente, aveva proprio bisogno de sporpamme così?!. Nun podeva risparmiammela, e tiralla lei,da ‘na patata,o, puramente,’na zucchina!?. Pacenza… Venimo a ‘sta gran mancanza;a ‘sto peccato, tremenno,che mo’,ancora, sconquass’er monno!…De che se trattò?: D’un  pomo!!.  E’ vero!,ce so’ cascato. Ma, quella combinaguai,aveva  un caratterino, e, poi,er serpente, pareva  tanto a modo,che,alla fine, l’ho mozzicato puro io!. Mentre che me dicevo:”Beh,tutto quà?”,àpriti cielo!.   S’è  aperto veramente!!. E’ sceso giù un gallinaccio,co’ tanto de spadone,e, tra er lush’er brusco, ce semo ritrovati sur lastrico!.   Avet’inteso!?.  Allora,chi fu più corpevole,io, o Eva, e er serpente!?… O ,mi padre,che, maneggianno er futuro,, se podeva  puro, risparmia’ tutto ‘sto casino!?.

LA NASCITA DEL MONOTEISMO…..

Quanno che, da Ur, Abramo er patriarca, dicise d’anna’ a piazzasse in Palestina, arzò er bastone e subbito se zittì la torma e er pecorame.”Gente mia”, je disse,”Pe’ fa’ ‘sto viaggio, doveremo sfacchina’!. Ce sarà da scavalla’ montagne, fiumi da guada’, passa’ er deserto.

Pe’ cui, nun vojio roba inutile!. Portàteve da magna’, acqua, cose de scammio. Gnente straccerie eleganti, sfizi, carabattole! Buttate, puro tutti l’idoli ch’avete che, ortre a la veste, er tabarro er bordone, un dio solo, ci abbasta!”

FRANCESCO: “QUESTA SOCIETA’…SPUZZA!”

Caro sor Francesco: ‘sta società, che pe’voi “spuzza”, è quella, pe’noi, che ce cura le malatìe.

ce allevia er dolore;ce dà da campà e a dispetto vostro, cià imparato  a usa’ la capoccia!.

 In dumila anni, voi,s entimo, che ciavete dato?. Un diluvio de preti, suore, frati, da mantene’.
Un monnezzaro d’ossa e de carne incartapecorita, de santi masochisti e sante anoressiche, da venera’.Penitenze, digiuni;  frustate de chiappe!.
E se nun ciannavano bene ‘sti bignè de san Giuseppe, baciato er crocifisso, ce rigalavate: cappio; mannaia e ceppo o mejo me sento, ce facevat’arrosto !!

“VERO DIO E VERO UOMO”

Voi m’affermate don Sarvatore,

  che, in terra, vorse nostro Signore,
  esse dio,ma,puro ommo perfetto,
  che vor di’,avecce quarche difetto,
  e,pe’ tal natural consequenza,
   incazzasse,e, perde’ la pacenza.
   Quer che nun quadra a me, reverendo,
   però,é che, come vero ommo,intendo
    abbia preteso fusse verità,
     er divino de la verginità!!

LE…SCUSE

S’ho ben inteso, frate Furgenzio,

avrebbe, ‘sto papa, rott’er silenzio,

e sinceramente condannato,
le infamie e l’orrori der passato.
Voi, me lo rappresentate, questo,
com’un meacurpa, nobil’e onesto.
 A me, par’invece, un dasse pace,
 buttanno cenare su la brace,
 seguitann’a porta’ la papalina,
co la cuscenzia a ronfà piu de prima!!

TEST DI ATEISMO, PER ECCLESIASTICI.

Per affrontarlo,occorre ricordare,che se Dio,ci ha dato la scintilla che chiamiamo ragione, qui bisogna impegnarsi ad usarla. A ogni domanda, si risponde con un si  o con un no.

Se totalizzerete più no, che si…benvenuti nella nostra famiglia!!.
1) Si può chiamare Dio, onnisciente, se ha creato angeli, che gli si son ribellati e l’uomo, che gli ha disubbidito?.
2)Si può chiamare, Dio onnipotente, se per sanare la mancanza di una sua creatura, non trova di meglio, della croce per il figlio, quando, essendolo, avrebbe avuto un’infinità, di altre soluzioni?.
3)Si può chiamare, Dio, somma giustizia, se condanna Adamo e miliardi di suoi discendenti per una sola mancanza e a quella lenza di Davide, perdona ogni sorta di delitti?.
4) Infine, possiamo chiamare Dio, padre amorevole di tutte le creature, se è lo stesso che ordina a Giosuè, di scannare tutti i vinti, compresi vecchi, donne, bambini e offriglieli in…olocausto?!!!

PADRE MISERICORDIOSO

Voi me dite,don Tarcisio,ch’er dio nostro,

 è un mare magno de pace e toleranza;
 che perdona a noi,ogni sorta de mancanza,
 e, che, quanno finirà ‘sta cana vita,
 ce ne darà ‘nantra che sarà infinita…
 Ma,poi, reverenno,m’affermat’appresso,
 che ‘sto dio, bon’e caro,proprio,è l’istesso,
 de quer fior de galantomo,ch’ordinava
 a l’ebbreo,de scanna’quelli che pijiava,
 fussero puro, vecchi,donne e lattanti,
 pe’offrijeli in…olocausto,tutti quanti!.
 Strillaveno i meschini: “Pietà!,Clemenza!”…
 Ma,la Bontà Summa,nun je diede udienza!!

DA CHE PULPITO!

Posso capi’quell’antro ch’era todesco,

 ma, nun so voi, come fate, sor Francesco,
 a sgolàvve, proprio là, da quer barcone,
 contro chi opprime er diritto,e la raggione!.
 Quanno, smesse le pianelle la matina,
 v’assestate in cocuzzuòl la papalìna,
 nun ce pensate mai,d’èsse’ er sucessore,
   de chi, invece de servi’nostro Signore,
   mannava al rogo e le povere vecchiette,
   che curaveno la gente co’l’erbette,
   e,chi teneva er punto,scritto o a parole,
   ch’era la tèra a gira’e, nun, er sole?!.
 E via! Pe’ vergognasse e serra’ la ditta,
 ve basterebbe de pensa’ a mastro Titta!!.

“MA DE CHE?!”

  “Dunque, voi m’affermate, sor cazzeo,
  ch’er cristiano, è pari all’arabo e all’ebreo,
  e v’alterate, se ve dò der cojone!
  Cristo !Ce l’hanno quelli un cupolone?!
  Er papa, cor codazzo de cardinali?!:
  Un santo a testa,pe’ chiese e cattedrali?!;
   ‘No strafottò de suore,preti, frati,
    da impienare cento e cento stati?!
    Sentimo! Che cianno invece, loro, ar monno?
    Gli uni: un cubo nero da giracce in tonno.
 L’antri, mejo me sento! un muro sfranto,
  che quanno ce vanno è tutt’un pianto!!.
  E, pe’ finilla, ve calo l’asso!:
  Da quelli,sempre c’è stato un Dio solo.
  Da noi cristiani, prima era ‘na terna,
  che, poi, ha fijato, e, mo’, è quaterna!!”

L’INTERPRETI DE DIO

Come se fa a sostene’, frate Furgenzio,

che noi, avemo da stasse muti e in silenzio,

quanno che uno de voi ce spiega er Vangelo?!.
Sentìmo!  in dove sta scritto?!  Santo cielo!:
S’er Padreterno, cià fatto a simiglianza,
e, de lui, semo la mejo fijiolanza,
me pare chiaro a me,come sprende er sole,
ch’a un padre,nun je serveno preti,e frati,
pe’  spiegacce er senso de le sue parole,
che’,  un po’ de lumi, lui a tutti ce l’ ha dati!

OTTO MARZO (AR TUFELLO)

“Che me stat’a di’, sora puzzetta?!.

 Che d’ogg’in poi, a la donna, j’aspetta
 d’esser’ all’omini in tutt’eguale?!.
Eh già! Semo in pieno carnovale!.
E’ giust’er tempo pelle cazzate!.
 Ma,voi, purce, ve sete scordate,
(E quà la bibbia ce dic’er vero)
che ‘na costola sola,
sarà sempre men d’un corp’intero!!”

TEMA:”PARLATE DELLA CREAZIONE”

Diopadre si stufò del posto in cui stava,dove non c’era niente,tanto che disse:”Facciamoci un mondo!”, e lo fece.  Ma, dopo, non poteva parlare con nessuno. Allora, prese del fango e cominciò a soffiare sempre di più,fin che,finalmente, venne fuori un Adamo,così bello grande, che lo mandò nel paradiso terrestre, a comandare le bestie!.  Però,si era dimenticato la moglie ,e, quando si ricordò, disse:”E’ meglio che gli tagliamo una costola,per fargliela!”.  Quella,mise fuori,le gambe;le braccia;la testa;tutto,e, subito, sposò suo marito!.   Non c’erano vestiti,e così si accorsero che si vergognavano.  Lui  disse:”Prendete pure le foglie di fico,ma, la mela,proprio no,che a voi, fa male!”. Loro  furono felici e contenti lo stesso,fin che il serpente,tanto fu tentatore, che disse:”Io,ve la consiglio”. Eva ci credette,e la fece morsicare anche a Adamo. Quello fu il guaio!.  Diopadre,si arrabbiò ; chiamò l’arcangelo, e disse :” Cacciameli  fuori, con la spada infuocata!”.

Così,purtroppo, non furono più felici, perché, gli toccò di lavorare!.

” IL DONO”

” Come? La vita avrebbe da èsse un dono?!. E chi l’ha detta ‘sta cazzata?!. Un frate?!. E, voi j’annate appresso!?. Un dono, un par de ciùfoli!. Fateme scolà ‘sta fuijetta,e ve ne farò capaci.  Dunque, attacàmo dar principio: Sderenati, arrivamo primi,in una maratona de un mijon de concorenti,e, er premio che d’è?:un ovo!.  Poi, stamo a mollo nove mesi fin a la sortita. Li,tanto pe’ facce capì l’andazzo, ce pijeno a schiaffoni!.  Doppo un per po’ de cacca,e piscio,ce pensa l’asilo a mettece in riga pella scola!. Minimo, dieci anni de inquadramento totale: cinque ore la matina,e, a casa,   un stafottò de compiti fin’a sera!.

Adesso, cor nostro sudatissimo pezzo de carta in mano, imboccamo la via cruci  der posto.  Manna curicola: gnente!; prova a destra,a sinistra,sempre a pecorone: gnente!.  Doppo ‘sto carvario,finarmente, trovamo quarche cosa,e, nun ce vie’ la dannat’idea de mette su famija?!.  Allora,daje a sfacchinà!. Un bravo;un grazie, mai; pensieri;scazzature,a strafottere!.   Li fiji,bene o male, principieno a barcamenasse. Sarebbe la vorta bona de rifiata’… Nossignore!: Ecchete, sui nostri vecchi, cala’ la mazzata de l’alzaimere.  Case de cura, badanti?.  Volemo finì sott’ai ponti?! Gnente:ar solito,ce tocca a noi!.
Pace a l’anima loro, se ne so’ iti,  Sortimo dal cimitero.  Ma, in dov’avevimo parcheggiato la machina?!. Rincojoniti ce guardamo a torno,e,  le mano ce tremeno… Bonanotte!. Puro pe’ noi cala er sipario!!.
 Adesso, avanti, sentimo: chi cia raggione,io, o quer futtuto der frate?!. Perché,se la vita ha da esse un dono,è un gran bel dono del cazzo!!”.

“FRANCESCO,E’ ANDATO A… LESBO…”

A annàcce,

nun vojo di’, che lui, abbia fatto male,
e te concedo puro, che, ad aprile,
ognuno sa ch’ogni scherzo vale!
Ma,visto che, quell’antri, ce ‘lha attorno,
in Vaticano, tutto er santo giorno,
co’queste, fasse, solo, na svertina e via,
Annàmo!
 nun me pare er cormo de la cortesia!!

Li  “Giji ner campo”

Nun me venite sempre fora cor peccat’originale!. Er gusto mio, frate Nicola, sarebbe, de capi’ ‘sto dio nostro, che, prima, da Bontà Summa, promett’a noi, e alli giji der campo, de tenècce sù ner bisogno e che, invece poi, ce mann’a fonno, co’na caterva de guai!

 Si, quella de Giobbe, l’ho intesa! Sarebbe che, lo fa pe’ tastàcce er porso de la fede… Però, dich’io,’sta Sapienza Summa, che cià  pelle mano, passato, presente, futuro e a gionta è: “Padre Amoroso”, deve proprio, ave’ er bisogno de  facc’ingoia’ tutti sti bignè de San Giuseppe!?

LA SCOMMESSA

Come se fa a rillegrasse, d’ave’ vinto la scommessa,

co’ quer fesso de berzebù,

quanno, lui, pe’ falla, se mette sotta i piedi

le sue gran virtù?!.

Ma,ve par’a voi, “Bontà infinita”,

giuca’ pe’ divertisse,’sta partita,

su la capoccia de quer povero Giobbe?!.

Levàje, li quatrini, l’animali, le robbe.

Mannàje a foco er palazzo!

Nun fregassene un cazzo,

de faje schiatta’, la moje, li fiji,

come s’accoppano polli o coniji?!.

E a la fin de la giornata,

ridurlo a corcasse su la morzata?!.

Via! Sto dio nostro, sarà puro, bon’ e caro,

ma, cristo!, nun se men’accussì, manc’un somaro!!

Tema: SanPietro

“San Pietro,si chiamava “Pietra”,e,teneva su la chiesa!. Prima , faceva il mestiere di pescatore,ma,poi, cambiò ,per fare l’apostolo!.  Egli,aveva un gallo,che cantò tre volte,quando si negò!.Possedeva anche, una spada, per tagliare l’orecchio!!. Quando Gesù morì,due vecchietti,,gli regalarono quasi tutto quello che avevano.Lui,se ne accorse,e,si offese così tanto, che disse: ” Siccome siete bugiardi!,vi farò scoppiare il cuore!” . Da vecchio, venne a Roma, per diventare vescovo;ma, non gli andò tanto bene,perchè, Nerone, gli disse:”Incendiatore!” ,e lo inchiodò sulla croce, coi pedi per aria!. Per questo, fu un grande santo!

Summa Bontà….

Che, cor fijo,e, er colommo,ce rigalò la Trinità,

nun me sogno de contestallo:é pura verità!
A gionta,voijo concederte de più:
che, ‘sto Dio nostro,come dio cioè,
sii un mostro de virtù!.
Però, quà nun ciarìvo: nun me so capacita’,
e, de ‘sto” Summa”,che j’appicceno a la bontà,
e,der fatto,che,quella gran capoccia de lassù,
sii,e, sii stato:”Padre Amorevole”,come dici tu!.
Ce creò co’ un soffio,e va be’, ma poi,annàmo!,
nun me se po’ nega’
che, pe’ quanto sii er resto,
lui,lo sapesse già!!

FINE DI IPAZIA”- ALESSANDRIA D’EGITTO – MARZO – 415″

Quel mattino,il diacono, Eucrate, svegliò il patriarca Cirillo,prima del solito.Pietro, il Lettore, scusandosi per l’ora,aveva importanti notizie.  Il fedelissimo comandante dei “Parabolòi,una formazione paramilitare cristiana,fu subito introdotto,e riferì, che,Ipazia,nota matematica pagana,aveva convocato,i maggiorenti della città. Forte del suo prestigio,li aveva convinti a denunziare, a Bisanzio,le soperchierie,perpetrate dal prelato,e dai suoi accoliti,contro,istituzioni;monumenti, e templi pagani.   Cirillo avvampò di sdegno!: Quella femmina,che con le sue lezioni, sottraeva,schiere di giovani, alle sacre omelie,ora,si era messa anche, a brigare,per screditarlo a corte!

Era la stessa,che,usando il suo fascino malefico, aveva ammaliato il governatore Oreste,inducendolo,pur cristiano,  a moderare ,le spedizioni punitive dei Paraboloi,contro ebrei,e, pagani,carne del diavolo!
Il santo vescovo,s’inginocchiò,e, con voce alterata per l’ indignazione, ,invocò i fulmini divini,sulla  donna, che osava contrastare, l’integrale cristianizzazione della sua città!—
 Il Lettore,uscì da palazzo,profondamente scosso.Una voce dentro, gli ripeteva:” Sarai tu,lo strumento divino! Tu,stroncherai i disegni del maligno!”– Eccitatissimo,,corse alla sede dei Paraboloi,deciso a eseguire,quello,che il cielo,gli ingiungeva.   Il  precedente patriarca,zio di Cirillo,aveva fondato,una associazione di volontari ,per assistere gli ammalati. Il nipote,l’aveva trasformata , in fanatico braccio secolare,per  la sua  crociata contro i pagani.   Qualche tempo prima, questa banda, di veri e propri Talebani, aveva osato prendere a sassate il governatore,colpevole, di aver dato retta all’illustre matematica. Sulla piazza del mercato, Oreste,colpito in pieno viso,e, abbandonato dai portantini, fu salvato dai commercianti, che misero in fuga i fanatici,e gli consegnarono  il colpevole del ferimento.– L’attentatore,ebbe un regolare processo;l’ accusa fu provata; fu condannato,e, giustiziato.
Il patriarca,sfidando il rappresentante imperiale,fece ricuperare il corpo,e, quale martire cristiano, lo seppellì,con solenni onoranze!.
Pietro convocò,subito, gli associati. Riferì loro, i fatti;l’invocazione a dio, del vescovo,e, li mise a parte delle voci,soprannaturali,che lo spronavano,a farsi strumento dell’ira divina.   Ipazia”,disse,era ormai,l’ultimo, grande, ostacolo alla vittoria definitiva della Fede.Quindi:creatura del demonio, andava cancellata!.   L’assemblea,approvò con entusiasmo.
Studiarono il piano: L’abitazione,,era presidiata da robusti,e fedeli schiavi africani: troppo pericoloso!.Altrettanto, aggredirla durante le affollate lezioni.. Finalmente, lo Spirito Santo,suggerì  la soluzione:Avrebbero potuto sorprenderla,senza rischi,nel tragitto,dalla Biblioteca,a casa,che,lei, compiva in lettiga,accompagnata dai soli portatori!
Grati,intonarono l’inno al Paraclito,  Poi,come sempre facevano,prima di ogni impresa,inginocchiati,invocarono l’assistenza del Cristo Pantocrator.   Nel pomeriggio,si  appostarono sul percorso; il sole tramontava,e la vittima non arrivava. Pietro, mandò uno dei suoi,alla Biblioteca. Riferì che, Ipazia, tardava,trattenuta dagli allievi.
Il comandante,esortò i Paraboloi,a pazientare pregando ,per il buon esito dell’impresa.
Finalmente, apparve la lettiga.  I portantini,accennarono una qualche resistenza,e furono subito immolati!. I paladini della Fede,tirarono fuori, Ipazia,e, urlando lodi a Cristo,le cavarono gli occhi.
Poi,la trascinarono fino alla scalinata di un tempio  vicino,trasformato in chiesa.  Lì,un pescatore vendeva ostriche. Si impadronirono dei molluschi,e, denudata la disgraziata,coi gusci taglienti,la scorticarono viva, certi,così, di torturare,anche, la legione di diavoli,che doveva abitare quel corpo!. Il fuoco purificatore,completò l’opera.
Pietro,ancora lordo di sangue,corse,al patriarcato a dare la buona novella: Ipazia,non sarebbe stata più un problema!. Dio,aveva esaudito,l’ardente supplica del suo santo vescovo!

SE SEMO DIFETTATI,E’ DE RAGGIONE!

Quanno che, a l’infinita capoccia,der Padreterno  venne da pensa’ a la creazzione, pe’ primo,stese er cielo,e, l’innaffiò de stelle.

Doppo,soffiò ‘na gran palla,
che,spigni,spigni, principiò a girà.
Pella luce,s’affannò a appiciare er sole;
e,pella notte,dàje! a sprèmesse,p’inventà la luna!.
Poi,che ve lo dic’a fa’!:n’antra sfacchinata,
p’inzeppa’ er monno,,d’un fottò de piante,e d’animali!.
Er sesto giorno,ch’impastò l’ommo,é de raggione,
che fusse, un ciancinino sderenato!!

ER DILUVIO

Quarche mijon d’anni da la creazzione,

finarmente,la Sapienza Infinita,
 esaminata a fonno la quistione,
 dicise che,su la téra, la vita,
 fusse ormai, tutta e sol, ‘na remissione!
 Io,però,quer che nun me spiego,
 é che,er Padreterno,avenno er momento,
 de scancella’ l’universo co’un frego,
 se lassi,poi,….frega’ dar sentimento!:
  Sarva, con  mojie e fiji,er Patriarca,
  e, come quelli  scènneno dall’arca,
  er monnaccio, cano e tristo, s’arifà!!

ER VATICANO

Voi sape’ che penso der Vaticano?:

  Ar minimo, che sia, ‘no stato strano!.
   Se nota subbito er primo mistero:
   ch’all’abbitanti je d’obbrigo er nero;
   eccett’un mazzo, de zucchetti rossi,
   che,stann’a indica’ papaveri grossi.
    Dentr’alle mura: nè moji; nè fiji.
     Ufficiarmente,ce so’ solo… giji,
,     peccui,l’anagrafe,è de raggione,
      ciccia sortanto,per…ordinazzione!.
      Chi ce comanna?:un regnante assoluto,
      e,quer ch’è peggio,lo capa un pennuto!!

LE RELIQUIE ( Fino a pochi anni fa,a Calcata, si venerava il prepuzio di Gesù!!)

  Sti cinìci delli santi,

  so’reliquie,sora Rosa,

  ‘na risorsa portentosa,
  pella Chiesa,e,tutti quanti!.
  Alla gente,che ce crede,
  je puntelleno la fede,
  e,incrostati d’ori,e, argenti,
   so’ ‘na manna pei conventi.
   La più mejio è venerata,
   su,ner borgo de Carcata:
    Vera carne der Signore,
     alle spose,fa er favore,
     d’esaudije la speranza,
     de sentisse enfia’ la panza!!

LI DISCENNENTI DE ADAMO.

Visto che, doppo quella tortorata,
 nun se fe, Abele, manco ‘na scopata,
 pe’ genera’ un fottò de fijolanza,
 nun è detto, a chi, Caino, empì la panza!.
 Fatti sti due, c’è da pensa’ che, Adamo,
 nun smanicasse, sempre, colle mano,
 e che, fe,’puro,quarche femminella…
 Ma, cristo! Par’a voi ‘na cosa bella,
 daje da ingroppa’ proprio, ‘na sorella?!

GESU’ BAMBINO

Me meravijo de voi,frate Nicola!

 Come?!: Cristo, ,nun s’ebbe òbrigo de scola,
 per esse’ omm’e dio, in una persona sola?!
 Ma,dich’io,lui, quann’era regazzino,
dov’annava giranno,tutt’er matìno?!.
 Nun credo, Giuseppe, tant’aguzzino,
 da schiaffallo,de sei,sett’anni, a bottega,
 a spaccasse la schina,co’ piall’e sega!!

LI POVERI DIAVOLI

Cristo!: Pare a te: “Giustizia Infinita”,

 pe”na sola ribellion ne la vita,
 schiaffalli, sol’a loro, in sempiterno,
 a rostisse le croste, giù, a l’inferno,
 mentre, un ommo, che je sputass’in viso,
 pentit’all’urtimo, và in paradiso?!

“LE SCRITTURE SO’ ‘NA COSA SERIA!”. (A L’OSTERIA DE PONTE MILVIO)

” Che me dici?! Ma,tu l’hai lette?!. Io, si e me so’parse, tutta ‘na cosa da rìde’, o si voi, da piàgne’!.  Come?! ce se deve crède, perchè, lo dìcheno li preti?! Ancòra!?. Famme finì ‘sta fujetta, e puro che ce l’hai de legno, te ne farò capace!.

Dunque,pe’ comincia’, rispònnime, Er Padreterno conosce er, passato, presente, futuro? Si?!
Allora, spiègame, sapenno che ‘sto monnaccio cane, era sbajato, com’é che s’é incagnito a fàllo?!.
Annàmo avanti:’Sto “Onnisciente” (che vor dì che sà proprio tutto),doppo averlo creato, s’accorge che, l’ommo, é solo,e che fà? Tra tutte quelle che je podeva da, l’accompagna a ‘sta stronza, sapenno da l’eternità, ch’era ‘na combinaguai!.  S’ero io Adamo,alla cacciata,j’avrei risposto:” Che t’incazzi a fa’?. Tua é stata l’idea!. Io,nun te l’avevo chiesta!. Datte ‘na carmata!”.   Passa quarche mijon d’anni,e, er pateracchio, tanto s’é ingrossato, che la Somma Sapienza, nun l’aregge più,e, scatena er diluvio!.  Ecco la vorta bona, de tirà un frego su tutte le magagne…Nossignore!: Sarvando,Noè,co quelle lenze delli fiji,doppo ‘sto spropositato spreco d’acqua,er monnaccio,de prima, s’arifà tale e quale!:Bella furbata,per uno, ch’er futuro, ce l’ha pelle mani!……Gigio!:qua,’nantra fujetta,che, co’tutta ‘sta “Fasolofia”,me s’é seccato er gargarozzo!….
Dov’erimo rimasti? … Ha si!: Che l’ommini,ricicciano peggio de prima,e, sarvando l’invenziòn der vino,d’ogni cosa,fanno carne de porco!. Avenno promesso,de non affogalli più,che altra pensata,vie’ a l’infinita capoccia de dio?!: Caparse,tra la zella, i meno peggio,e, tirarseli sù,pe’falli diventà persone a modo…. Cerca,cerca,er mejo che trovò,fu, n’accozzaja de tribù de pecoràri. Je prescrisse de lavasse armèn ‘na vorta a settimana,e li promosse a: “Popolo suo”…..Tu me dirai: E,tutti l’antri?!.  Gnente!: La Summa Giustizia, aveva diciso che ereno merdacce!!.    Se Lui, ero io,però,alle prime,me n’accorgevo, che mancava la stoffa!: Bastò,che,Mosè,solo pe’ quarche giorno, j’allentasse le brije,che,subbito,gli Eletti,cornificarono er Benefattore,cor vitello d’oro!. A ‘sta mignottata, Lui,vide rosso!, ( Semo a le solite: nun ce  lo sapeva già da prima?!) e schiaffò i sacrileghi, ner deserto, a purgasse co’ la manna. Doppo quarant’anni de… bigné de San Giuseppe,je perdonò,e,addirittura, pe’premio,je rigalò,, la: “Tera Promessa”,co’ licenza, de scannà tutti quelli che ce staveno: ommini, donne, pischelli e me vojo rovina': puro l’animali!.
‘Sto Popolo, sotto la guida de dio, pare, finarmente, su la bona strada…….Macchè! Appena, appena,er Santissimo,s’appènnica, loro,subbito, arisgàreno, e l’Infinita Giustizia, pe’raddrizalli, é costretta,a mannaje ‘na tal caterva de guai,che nun  n’hanno avuti mezzi,tutti insieme, l’antri popoli pagani!!.
 Hai capito si, de che stamo a parla’?!. Ma,mo, te calo l’asso!,e  qua, se non t’appersuadi, nun c’é rimedio! sei de coccio!: Quello che, li preti, chiàmeno:” Bontà Infinita”; ” Padre Amorevole”,quanno creava, già sapeva,che, pe,rimedia’ le sue cazzate,all’unico Fijo, ar “Verbo Incarnato”, je sarebbe toccata la croce!!”

TEMA: GESU’ BAMBINO

Il re Erode, era così cattivo, che Gesù, nacque di nascosto! Però, i pastori, videro una luce folgorante e gli angeli, dissero, cantando:”Venite a adorarlo con le pecore!. Alla Befana, arrivarono anche i re magi, con i cammelli, pieni di oro; incenso e mirra, così, suo padre, povero falegname, non fu più povero!.Il re, non sapeva dove stava e per ucciderlo, disse:” Tagliatemi a pezzi  i bambini!”. La Madonna e Giuseppe, se ne accorsero e lo nascosero, finché le guardie, non tagliarono , tutti gli altri!.  Nel suo compleanno, dei dodici anni, si perse, per fare il maestro ai dottori, nel tempio!. La Madonna e  Giuseppe, lo cercarono, lo cercarono e quando lo trovarono, dissero:”Siamo diventati pazzi per cercarti!”, ma lui, rispose un po’ male. Poi, da grande, andò via,  di nuovo,per digiunare nel deserto e fare miracoli!!

“BONTA’ INFINITA” …. A L’OSTERIA

” De che?! Riscatto dar peccato originale?!.

Ma, allora,’sta “Summa Bontà, proprio, nun vale!.

Stamm’a sentì, Lui o nun era onnipotente,

o puro, der fijo, nun je fregava gnente!

Cristo! Dich’io pe’fasse ripagà ‘na mela,

aveva da armà,’sta cana de querela?!.

Annàmo! Je bastava a lui, ‘na sola voce,

pe’ trovanne un mijon, più mejo de la croce!!”

 

 

TEMA: GESU’ TRA I DOTTORI DEL TEMPIO ( 4 Elementare, Colli Euganei)

Quando, era ancora gesù bambino, a dodici anni, la Madonna, sua vera madre e il putativo Giuseppe, lo portarono a pellegrinare, dentro Gerusalemme, dove stava la Pasqua.

Girarono, girarono e, dopo che non lo videro più, l’avevano perso, per colpa, di tutti i pellegrini! Si dissero:”Ma,è con te!?”,e si risposero:”No!”—Allora lo cercarono, lo cercarono,che diventarono pazzi! Così,finalmente, lo trovarono nel Tempio,per insegnare, ai dottori farinosi,tanto che, quelli, gridarono:”Ma sai proprio tutto!!”—Giuseppe e Maria si riempirono di gioia,e,dissero:”Siamo diventati pazzi per trovarti!”—Ma, lui, rispose un po’ male,tanto che,tornarono a Nazaret,che non erano molto contenti!

 

L’ ESODO, A L’OSTERIA.

La prima vorta, ch’annò a palazzo,

Mosè, dev’esse entrato a la chetichella,
che, de sicuro s’appennicò la sentinella!
Ma, a l’antre nove, nun ce credo un cazzo!
 Dich’io, ve par a voi, che, dop’avello minacciato,
 er faraone, nun ordinò, che fusse saettato?!
 Cristo! Quello, era, dei potenti, er più potente!
 E la Bibbia, a noi, ce lo vo’ gabella’ pe deficente!?

MARIA SI RACCONTA:

Sono nata,in uno dei villaggi,che circondavano il”Mare di Galilea”. Da noi,le ragazze venivano accasate ,molto presto, appena dopo la pubertà.  Cosi, compiuti quindici anni, anche mio padre Gioacchino, si diede da fare.  La storia del bastoncello fiorito, non so chi l’abbia inventata. I miei,  in Giuseppe, trovarono il partito che avevano sperato. Falegnami, carpentieri, fabbri, nella nostra società contadina,  erano,  considerati  liberi professionisti, di cui, nessuno poteva fare a meno. Andai a vivere a Nazaret, dove mio marito gestiva, un’avviata falegnameria,  coi figli, di un precedente matrimonio.  La pesante freddezza,con cui fui accolta,mi fece capire subito che sarebbe stato difficile  farmi accettare.  Quando, poi ,dopo soli sette mesi, partorii Gesù,I miei figliastri,assillarono il padre:”In giro,si dice,che, sei stato ingannato!Questo,non è  frutto tuo!!”…..Per  fortuna,Gioacchino  andò a parlare all’ amico , capo della sinagoga.Nell’assemblea  del sabato,il venerabile vecchio,raccontò un sogno,in cui, dal cielo, mi si scagionava….  Giuseppe,che mi voleva bene,fu felice di credergli….cosi’,a poco a poco, le acque si calmarono.  A dieci anni, Gesù, fu messo a bottega. Forse, perché non era portato; sicuramente, per la ruvidezza dei fratellastri, non ci si trovava. Finito il  lavoro, invece di giocare con i coetanei,andava alla sinagoga,e, si immergeva nella lettura delle Scritture. Un giorno, ìl nostro  rabbino,, venne a trovare Giuseppe,e gli parlò a lungo. La sera,finito di cenare, mio marito,con aria solenne,ci comunicò,che,Gesù, avrebbe lasciato la falegnameria, per iniziare gli studi, che gli avrebbero consentito di laurearsi: “Dottore dellaLegge”. Mio figlio,solitamente,taciturno,e scontroso, corse ad abbracciare il padre… :Il suo sogno s’avverava!.  I fratellastri, rimasero in silenzio,ma,sui loro volti,si potevano leggere, contrastanti sentimenti: erano ad un tempo ,contenti di levarselo di torno,e,invidiosi,  per la carriera che gli si offriva.—I  dottori dellaLegge, ,godevano di grande prestigio:il titolo, li abilitava a dare   corretta interpretazione, alle innumerevoli norme di comportamento che la nostra fede imponeva.— Gesù , mise  tanto impegno nello studio,da dimenticare,a volte,di venire a cena : Tornava, a sera inoltrata,con gli occhi, arrossati ,dal fumo della lucerna.  Io, ero orgogliosa,di lui,anche ,se, nutrivo qualche timore, per la sua salute……. Una Pasqua ,a Gerusalemme,lo perdemmo tra la folla.  Dopo due giorni d’ansia,lo ritrovammo nell’area sacra del tempio,  intento a recitare , brani delle Scritture,  a maturi dottori della Legge!

Tutti lodarono la preparazione di nostro figlio e data l’età, la sua assoluta padronanza del testo biblico. Ma, il più anziano,  ci prese in disparte e ci raccomandò di vigilare: temeva, disse, che lo studio esagerato potesse dargli alla testa…. ( Ecco, tornare, le mie preoccupazioni!). Superati, brillantemente, gli esami finali,Gesù, divenne il più giovane Dottore della Legge ,di tutta la Galilea!.  Fu con grande emozione  che lo ascoltai, quando, per la prima volta,l’assemblea del sabato, gli chiese,di commentare  un passo di Isaia! Tempo dopo, prese congedo: desiderava conoscere,una comunità di sapienti,che,  nei pressi del Mar Morto,,a suo dire,  si atteneva alla rigorosa  osservanza  della Legge.   Per qualche anno  non avemmo   sue notizie. Un giorno,,un mercante di legname,ci disse di averlo visto, sulle rive del Giordano,nei luoghi, ,in cui, suo cugino Giovanni predicava, e, somministrava battesimi di penitenza.     Poi..ancora silenzio.  Giuseppe ci  lasciò. Il figlio maggiore prese le redini dell’attività,e,la guida della famiglia,. Tempo dopo, dei pescatori , ci  raccontarono che, un certo Gesù,predicatore girovago,aveva convinto, alcuni di loro ,a lasciare reti e famiglie, per seguirlo!!   Aggiunsero, che, il  paese, l’aveva presa a male, e, che, quel tale, avrebbe fatto bene a starne alla larga!.  Poco  dopo,  arrivò la notizia dell’orribile morte di Giovanni, decapitato, per le aspre critiche al  nostro re. Tremai, al pensiero  che, mio figlio si mettesse   sulla stessa strada,   e fui  presa dall’angoscia…—-Un giorno, un parente, corse ad avvisarci, che, nella sinagoga del paese vicino, Gesù dava di matto!:urlava scongiuri:gesticolava,e,  si diceva, che, avesse a che  fare coi demoni!!— Spaventatissima, pregai i figliastri,di accompagnarmi là ,per  cercare di convincerlo a tornare a casa.  La folla, fuori della sala, era tanta, che, non riuscimmo nemmeno, ad avvicinarci all’entrata. Un giovane si affacciò:”Pazienza amici!:Il Maestro assicura, che benedirà tutti i vostri malati!”—“Vagli a dire ,urlò uno dei figli di Giuseppe,che, qui fuori, ci sono sua madre ,e i suoi fratelli che gli vogliono parlare!”—- Il discepolo, tornò sulla soglia:”IL Maestro ,gridò,vi manda a dire:”Chi sono mia madre e i miei fratelli?”….—Aggiunse qualcos’altro,ma. il vociare della gente, coperse le  sue parole.—Tornai a casa. Il cuore, sanguinava!:Umiliata cosi’ dall’ unico figlio!!.   Il tempo passava;gni tanto, sentivo parlare di lui:Conduceva vita raminga; lo seguivano, una dozzina di discepoli; si sostenevano  con le elemosine di,alcune benestanti ; avrebbe  operato guarigioni.  Una voce,in particolare,spaventò,me e i miei. Si raccontava,che, per guarire un invasato, avesse fatto annegare…duemila maiali!!:Temevamo, che si facessero vivi i proprietari,per chiederci i danni!! Peraltro ,ormai, anche a Nazaret, molti si erano convinti , che, Gesù facesse miracoli: Avrebbe camminato sulle acque; moltiplicato,pani e,pesci;  il suo sputo,avrebbe guarito,  ciechi e sordi……  Mi  ricordai,che, da ragazzo, , si era offerto,di farmi passare, un gran mal di testa. Mi impose le mani,;recitò alcune formule, e, in effetti, mi parse che il  dolore,cominciasse a scemare… .Sorridendo, disse di avermi guarito!….Mezz’ora dopo, però,il male,tornò a martellarmi più forte di prima!…:No!:quelle voci , non mi convincevano .  L’unico “miracolo”a cui avevo assistito, fu quello, dell’acqua trasformata in vino.  Non è vero che, glie lo chiesi io. L’ho saputo dopo: alcuni  commensali gli avevano architettato  una burla,per vendicarsi dei suoi antipatici atteggiamenti di superiorità!——Passò un altro anno;si avvicinava la Pasqua. Venne da noi un discepolo, che, ci  escrisse l’entrata trionfale di mio figlio,, in Gerusalemme. Ci disse , poi,che,Gesù  desiderava averci, in città, per condividere la cena dell’agnello.  I fratellastri non vollero partire. Io,invece, che, da molto, non lo vedevo , mi misi in viaggio, con quel giovane..  A causa di certi intoppi, arrivammo tardi; la sala era vuota.   Il locatario ci informò che ,terminato il pasto, la compagnia,era andata a passar la notte nel vicino uliveto. Ci avviammo,ma, fatti pochi passi,vedemmo  gente che fuggiva. La mia guida,  ne fermò uno, afferrandolo per il mantello:”Che succede?!dove correte?!”—“Scappate anche voi :hanno arrestato il Maestro!!”—-Il discepolo mi trascinò , sbigottita e atterrita in casa di conoscenti. A differenza della Galilea, a Gerusalemme,comandavno i romani: quella gente,  non scherzava!.—-La mattina dopo,il mio compagno di viaggio,Giovanni,  uscito a cercar notizie,rientrò ,piangendo: Gesù, era stato condannato a morte, per  un parapiglia , causato ,nell’area sacra del tempio,e,la folla , interpellata,gli aveva negato la grazia!.— -Sarebbe troppo, per me,ora,rivivere lo strazio della croce…:Quella sera, accompagnai mio figlio al sepolcro…–LA mattina dopo Pasqua,mentre, distrutta, preparavo il ritorno a Nazaret,una donna entrò, spiritata:”IL sepolcro è vuoto!!:Il Maestro è risorto!!Alleluia!Alleluia!!—La presi per pazza: Io, avevo sentito,le sue ultime, disperate parole!. Avevo visto il colpo di lancia nel costato!—–.Subito dopo,però, entrarono Giovanni e un certo Pietro,anche loro invasati: avevano trovato, il lenzuolo e le bende, ripiegate e, il sepolcro vuoto!. Raccontarono, anche ,che ,un essere,forse,un angelo,era apparso alle pie donne, confermando la resurrezione!—Nel cuore di una madre,trovano posto, anche le speranze più assurde…:mi imposi di credere.—-Ci riunimmo tutti ,nel cenacolo,a rendere grazie a Javè.  Improvvisamente,  ci fu…come una visione: Entrò uno….certo,gli somigliava, ma…era diverso…–Entusiasmo, alle stelle!……Lui, però,  non mi notò nemmeno…quasi non mi conoscesse… -Restai in disparte, attanagliata dal dubbio…..—Quello che successe dopo, lo sapete:  Sparii dalle vicende del primo cristianesimo, per ricomparire, dopo quasi trecento anni,, io, povera donna,venerata quasi come una divinità!!.  Ora, non c’è chiesa, o convento, in cui,  non sia  ritratta, come una regina coperta di gioielli!, —- . Vorreste sapere,  la vera fine della mia storia?: Non ricordo bene….. Ah, si!: sono andata ad  Efeso e li’, sono  morta……

GENESI

In quei tempi ch’er Padreterno s’annoiava,

    pe’nun avè fatto gnente,da n’eternità,
    un dì,tonò a lo Spirito, che pennicava:
    “E’ l’ora! Svèja, peccristo! E dàmose da fa’!
     D’un corpo, intendo ricuperà er tempo perso:
      Dàje! Creamo l’ommo, co’ tutto l’universo!”
      Oprì un’occhio, er colombo e:
“Che d’è ‘sta scarmàna!?”,barbottò:”Pijiàmose armèn ‘na settimana!”

TEMA: “LE DIECI PIAGHE D’EGITTO”

Mosè,essendo patriarca,si accorse che il suo popolo, si lagnava,fabbricando mattoni,come schiavo. Subito entrò nel palazzo,e, disse al Faraone:”Se non li liberi,e li lasci andar via, ti voglio piagare!.  Ma, quello, che era superbo, si negò. Mosè,uscì, e chiamò le cavallette!. Tante che erano,mangiarono tutta l’erba degli egiziani,che furono affamati!. Lui andò di nuovo,e, disse:”Hai visto le cavallette?! Se sei ancora superbo, faccio sangue nel Nilo!.Ma, l’altro,niente!.La mattina dopo,la gente si svegliò vedendo l’acqua rossa,e, gridarono:” Ma li vuoi far partire?!”. IL re,che era proprio dispettoso si negò ancora!.Allora il Patriarca,si mise a piagare sempre di più! Alla fine, chiamò l’angelo,per uccidere i fratelli primogeniti, con dentro, il figlio del faraone!.Questa volta, anche se era molto rabbioso, disse:” Andatevene pure!!”. Mosè, parlò alle tribù:”Marciamo sulla Terra Promessa!!!”.Andando,arrivarono al mare,che si chiamava Rosso. Lì,non c’erano navi per passare,e, in più, si vide  , l’esercito polveroso, del Faraone che, si era pentito, con tutte le dieci piaghe!!. Le tribù, si spaventarono,e, cominciarono a lagnarsi!.Ma Mosè disse:” Finitela:! Ci penso io!”. Prese il bastone, con tutte due le mani, e, diede una bastonata così tremenda, al mare,che,quello,si tirò subito  in dietro !.Tutte le tribù, corsero svelte, svelte,dall’altra parte: Anche i nemici carrozzati,si buttarono dentro per prenderli,Però le acque,tornarono avanti,e,li annegarono!. Mosè Patriarca, gridò:”Avete visto,piangioni?!:Il vostro dio vi ha salvati!!.Le tribù si misero a ballare dalla gioia, così,poterono restare, tranquillamente quarant’anni, nel deserto,  a coltivare manna!!

LA NOSTRA SANTA RELIGIONE

La nostra santa Religione, ci comandano la Trinità, la Madonna e non altri falsi dei!

Si compone anche di  angeli, santi,  preti, frati, suore, vescovi, cardinali e papi che le altre non ce li hanno!

Possediamo pure, tanti sacramenti: il matrimonio, la comunione,  l’estrema unzione  ma,  il più bello di tutti, è la confessione, che, i peccati ,tanti che ne facciamo, dopo, non sono  niente!!

ER PECCATO ORIGINALE

Quanno che dio, impastò l’ommo, anticamente.

 solo, co’porvere, saliva  e artro gnente,
je disse:”Sènteme bbene! Opri  le recchie!:
T’ho qua, fatto padrone, ciai robba a secchie!
De tutti ‘sti frutti, poi fa’ ‘na spanzata…
Però  la mela, nun va  manco toccata!”
Se l’ommo, pe’cristo, fe’ poi, quell’inguacchio,
ch’aveva da spera’, dio da ‘no sputacchio!!

SAN PAOLO

San Paolo, quando nacque, lo educarono romano. Per questo, da giovane, era molto persecutore!. Un giorno che andava a perseguitare, il suo cavallo si rifiutò e lo buttò in terra. Lui si alzò, tutto cecato; sentì una voce, che lo sgridava e così, decise di diventare apostolo!!. Poi, guarì e  siccome ci vedeva ancora, si mise a navigare, predicando continuamente. San Paolo, filava anche lana e, scriveva sempre lettere.  Tutti gli volevano bene, perchè, raccontava le visioni di Gesù, in sogno!.  Ma, alcuni cattivi, dissero: “Mettiamolo in prigione!”. Allora, lui disse:”Ei! sono romano!!”.  Quelli, presero paura e lo mandarono dall’imperatore per chiedere giustizia. Quello lo ascoltò  e poi, gli  tagliò la testa su una colonna!. E qua, c’è il miracolo! lei, fece tre salti mortali, sulle fontane!.  Io a Roma, le ho viste, ma, non buttano più!

“L’Evoluzzione”a l’Osteria

Ogni giorno, ‘na fregnaccia!,

   Chi l’ha detta? Lo speziale,
   che l’ha intesa ,da ‘sto Tarvin,
   ‘sto scienziato eccezziunale!!.
   Discennemo da la scimia?!
   Lo ingoiate, voi, er boccone?!
   Io, pe’ dajie ‘na lezzione,
   mettrerebbe sto ciartrone,
   drento ar gabbio, dei gorilli!
   Sai che gusto?! Sai che strilli?!

LA BIBBIA, A L’OSTERIA

“Scusate,ma da povero cojone,su ‘sta cosa che qua,puro io vojio di’ la mia!. Dunque:la Summa sapienza,come stà scritto,crea l’ommo,”a sua imagine e simiglianza”,e, quello,subbito,dà retta ar serpente!- La Summa Bontà,s’incazza,e lo manna pe’ stracci!. Sarebbe stato er caso de pentisse!. Manco pe’gnente!:Tanto, l’ommo, se la fa co Berlicche,che, la Summa Giustizia,scatena er diluvio!!.  Un po’ per volta, l’acqua cala, e, finarmente,i pochi giusti dell Arca,scennono, co l’antri animali, a rimpolpare er monno.  Sta lezzione sarà servita!?. Manco pel cazzo!!: Ancor’adesso,ogni domenica, i preti, ce gonfieno li maroni cor:”Male che impèra nel monno”!!– Allora,se me sete stati a senti’,me pare a me, che nun se scappa!: O, la Summa Sapienza, fallò la creazzione, o puro, La Potenza Summa, cor satanasso, proprio… nun je la fa!!”

SODOMA E GOMORRA

Avea,er Padreterno,ormai, pieni i maròni,

de ‘sti futtuti froci, de le du’ città;
ma, prima de scatena’ furmini e troni,
vorse preserva’ Lotte, un mostro de bontà.
Però, anche ‘na rapa sa, che fu ‘no sbajio,
manna’, tra l’allupati, que’du’ fichetti:
du’ pischelli,in un casin’ a lo sbaràjio!!
Pure,loro! pe’scenne’mezz’a la torma,
aveveno da pijà, proprio, ‘sta forma?!
Se credo all’angeli?  Ce credo…ma, adesso,
nun critico, chi s’indubita sur sesso!!

IL CAPOLAVORO

Doppo la sfacchinata de la creazzione,

 sicuro,ormai, che filasse a perfezione,
 pe’ curasse i romatismi,er Padreterno,
  annò a passà le acque,ar callo de l’inferno.
  Ma se sbajò de grosso,perché,ar ritorno:
  er sole, la tèra,je girav’intorno;
  s’era macchiata la verginella luna,
   e, se squajaveno le stelle, a una a una!
    E’ de raggione,che fusse preoccupato,
    quanno volse l’occhi,a esaminà er creato!.
     Peccristo!:nu’ scenufreggio!, tutto no sgarro!!:
     Ar posto del tirex,nun trovò un ramarro!?!

TEMA: “RACCONTATE LA GITA A LOURDES”

Quando siamo partiti,era ancora scuro,così,nel pulman,abbiamo fatto casino,cantando cojonelle, come per esempio:” Bugagno,bugagno vieni fuori, con tre corni, uno a me,uno a te, uno alla maestra che fa tre!”,che lei, si è arrabbiata,ma,il prete,no,che rideva!. Siamo arrivati, che, da per tutto era pieno, tanto che il guidante,ci ha messo un mucchio per fermarsi!, Lurd è bellissimo!:si possono vedere,madonne azzurre;candeloni;rosari;quadri di Gesù,che sembrano vivi,guardando di quà,e, di là;e, tantissime gambe di legno miracolate!.  Sulla piazza,alcuni camminavano coi piedi, altri con le ginocchia,altri con le carrozzelle,che, don Gino ci ha detto che dovevano miracolarsi. Alla grotta,dalla gente che c’era, abbiamo aspettato tanto,che quasi, non ne potevamo più.Finalmente siamo arrivati,dove stà la Madonna principale.piena di candeline accese.Lì,c’erano tanti preti,vestiti a festa,che cantavano nel microfono,per fare le grazie.

Ma di quelli carrozzati,siè alzata in piedi, solo una cicciona,che, però,è caduta subito per terra,e l’hanno portata via,sanguinosa, in barella!. In fondo,
  siamo andati a bere l’acqua santa, che butta da cento rubinetti,ma, non era tanto buona.

MOSE’ FECE TANTI MIRACOLI E GESU’?

Mosè fu un grosso patriarca, ma Gesù, molto di più, perchè da bambino,era già, figlio di dio! Quando sua madre, gli disse: “Fai il vino!”, lui negò, ma, poi tutti ci rimasero,perchè lo fece con l’acqua!.  Anche nel deserto,per miracolo, restò quaranta giorni affamato! Tutti i giorni che predicava,sempre finiva con un miracolo, faceva parlare muti e sordi! Addrizzava storpi e gobbi!.
Sputava negli occhi ai cechi! Moltiplicava pani e  pesci e alle volte, gli bastava una parola, per guarire le morroidi e  seccare i fichi! Ma, il più miracolo di tutti fu, quando,fece annegare un fottò di diavoli, dentro duemila maiali!!

TORNA A VOLARE IL CORVO, SUL VATICANO…

Pel Vaticano, ‘sta, setimana,
    va giranno, ‘na vocetta strana…
 Un venticello,ummido e fresco,
   che risica, d’incimurrì Francesco.
   In cappella, a palazzo, pei giardini,
   se sprècheno, se sa, sorisetti e inchini;
    ma, in pèctore, li cardinali, ghìgneno,
    come pe’ dì:” Questo,che cià, rotto, tanto,
    alla fin fine, poi, nun è così santo!”

TEMA: PARLATE DEL FIGLIOL PRODIGO

Prodigo, non fu un figlio buono,perché, era molto spenditore!  Un giorno disse a suo padre:” Dammi tutti i soldi,che voglio andare a spendere da un’altra parte!””–Suo padre, prima si negò, ma, Prodigo, fece  tante lagne, che, poi, lo stipendiò. Quando fu arrivato lontano, a furia di spendere  con le carte e le amorose, fu così povero,da stare in mezzo ai maiali!!

 Un giorno, che era  sporco e, sbregato, disse:”Torniamo da mio padre!…E, se non vuole?…Speriamo!”– Vicino alla casa,tanto che pareva un barbone, volevano mollare i cani, così, lui,gridò:” Ei! sono io, Prodigo!!”.
Suo padre corse a abbracciarlo,e, disse.” Prima ti lavi, che, poi, facciamo la festa!”- Il fratello lavoratore disse:” Io, mi sono rotto la schiena per lavorare, e,questo,si è dispendiato con le carte,e, le morose!!”- Ma, il padre, disse:”Va a ammazzare il vitello più grasso!”- Così, fecero,una bella festa,tutti felici,e, contenti, fuori che il lavoratore.
 
IL PAPA EMERITO

Nei poveri giardìn, de Pietro pescatore,

s’affaticava a passeggia’ un signore,
la vesta bianca;un cardinàl pe’servitore,
quanno,dar ramo,d’un arbero, sur viale,
je zompò, su la capoccia, un sorcio madornale!.
A li strilli,corse,sfoconato,’n’uffiziale,
che,d’un subito,giustiziò er sacrilego animale!.
“Santità!: Era una femmina, quella, d’un kilo sano!”.
J’arispose l’ommo santo:”Fijolo!:bàceme la mano!:
“”Noi t’aringrazziamo,chè, da si gran sorca,
 hai sarvato er Vaticano!!”

LA MORTIPRICAZIONE DEI PANI E DEI PESCI (DA UN TESTIMONE OCULARE)

“Aùffa li meloni!

Nun lo devo sapè io, che ce so’ stato!?…..Si me fate parlà! Dunque, mentre che sbroiàvimo le rete, er capoccia me fà:”Sta sera, su la collina,torna quer nazareno, ch’ha convinto mi cognato a seguillo.

Du’ remi in meno,posssin’ammazzallo!

Quanno predica,fa ‘na capa tanta!…Ma, pò èsse, che je dimàndino l’esorcismo;e,allora,m’hanno detto,che, co’ la pantomima,tra lui e lo spiritato, ce sarà da divertìsse—Passàmo da casa;armàmo ‘na sporta,pe’ magnà,doppo lo spettacolo e  annàmo su, ce stava tanta gente ma, purtroppo, manco n’invasato! Ariva er predicatore, co’ la  dozzina, che se porta sempr’appresso, ce fa cenno d’assettacce e principia co’ le Scritture.

Ammazza s’era  preparato! Pareva un sacerdote der Tempio!! Poi, mutò discorso e qua, ce guardàvimo, l’un l’altro:”Ma, che stà a di!? ”Parlava de Tempi maturi…che ne so?

D’un regno che stà scennenno e che, pe’questo, c’è da pentìsse! Insomma, nun ciò capito ‘na beata cippa!! Pe’finì ,snocciolò,’na sfirza de beati,che, er mejo,era un disgraziato!!

Mah!….Comunque, stavim’a mèttsse a magnà, quanno,uno der seguito, je mostra quarche pesce affumicato e  quarche pagnotta….Lui, li benedice e manna a distribuilli.

E,qua, viè er bello! La gente ,che, come noi, s’era portata la robba da casa, la tira fora e je la mostra, come pe’ dì, ”Ce n’avèmo!!” A vède tutta quell’abbonnanza, er nazareno, spalancate le braccia ar celo, la faccia spiritata, nun se mette a strillà, ch’er padre suo, che stà nei celi, j’aveva fatto mortipricà quei pani e quei pesci!? Li sui, esartàti, attàccheno a cantà lodi a javèh.

Quelli,in fonno, che nun aveveno visto er machiavello, anche  loro…Alla fine, pure noi ,davanti,  ciavèmo dato dentro. Bhe, Er giorno, doppo, al lago, già,se parlava de miracolo!!

Voi,ch’oprite bocca, pe’daje vento! V’è entrato, mò,che, pe’ sapello,bisognava stàcce!?

LA SOFFERENZA

Io, me domando e dico, perchè mai, sta cana sofferenza,

ha da esse tanto cara ar Signore,
da dalla a l’ommo giusto e de cuscienza,
più, ch’a un baròn futtuto peccatore!
Da povero cojione, er parere mio?
che martratta’ l’onesti, nun sii da dio!
Basta guarda’ le vite delli santi…
schiattàron malamente, tutti quanti!!

ER BATTESIMO

Ner deserto, se sa, l’acqua, manco a dannàsse!

Così, Cristo,doppo, dicise de sciacquasse;
pe’cui, marcianno, scarpinò fin’ar Giordano.
Sur fiume, ce stava,un parente, un tipo strano,
Giovanni, l’eremita, un vero personaggio,
che se godeva, a lava’, quelli de passaggio!,
Ma, cor cuggino, tracheggianno, barbottava:
“Nun se po’ fa’…. e col “Non sum digno”, ce marciava.
Le nubi, squarciò, er Padreterno, co un diretto!:
“Lo voi lava'”,Tuonò,”‘Sto fijio prediletto?!”

ER MIRACOLO DE CANA

“Che miracolo d’Egitto!…

Nun lo devo sapè io, ch’ero er padròn de casa!?….Se me state a sentì, ve la stenno, com’annò veramente! Co’ quello che Maria m’è cuggina, l’invitai, co’ tutto l’antro parentame, ar matrimonio der più granne. Naturarmente, se podeva portà li fiji…Invece, se presentò co’uno solo: Gesù.quello stonato,che,mo,’fa er predicatore girovago….Dunque:Granne maggnata;robba bona;bono er vino…troppo!:tanto, ch’a mezzo de la festa,me l’aveveno quasi asciutto!.Pe’ nun fa’ ‘na figuraccia,mannai, in secreto,un servo, a provvedèmme da un vicino—Gesù, che fin’allora aveva pontificato co’le Scritture,chiese de rinfrescasse.Lo guidài sott’ar portico,dove,in mancanza de pozzo,tengo diversi orcioni d’acqua.Sciacquannose er viso, disse:”Se er padre mio,che stà nei cieli, volesse,st’acqua, se farebbe vino!”….Sapennolo strano,nun ce feci caso.  Lui, rientrò in sala,e, fregànnosene che stava a nozze,principiò tutta ‘na tirata de morale:”I tempi so’ maturi!”;(Occhio,che càscheno!)—“Er regno sta scennènno!” (Paràmose la capoccia!) “Pentitevi!!” ,(Ma de che!?)….Insomma,’na vera,e propria, frollatura de maròni,tant’è, che,tornànnome a mente,le parole sott’ar portico, dicisi de giocaje un tiro!: Quann’arrivò er servo,co’i “rinforzi”,feci riempì,sverto,sverto, de vino, l’orcio in dove s’era lavato.Poi, colla scusa de famme spiegà er regno,je portai  vicino,Gesù;e,mentre blaterava,distrattamente, tirài su er  ramaiòlo cormo de vino….. Lo dovevate vedè!:Co’ la faccia spiritata;le braccia ar cielo,prese a gridà:”Grazie!Padre mio!;Grazie!!”—Alli strilli,sortirono tutti l’invitati,e, nun sapenno er machiavello,se fecero impressionà da lui,che spiegò,come quarmente,er padre suo(che sta nei cieli),j’avesse  tramutato quell’acqua, in vino!!—-Li mia,tennero botta….–Bè!:Tempo quarche giorno,nun ce fù borgata attorn’al lago,dove, nun se parlasse de sto fatto…. portentoso!!!

LA RECCHIA

Ner mentre,che noantri, ronfavimo,ar sereno e che sderenato, pregava er Nazareno,

 ècchete,di tra l’ulivi,salì er bargello,

   in testa a un battajòn,de birri cor randello!

   Je faceva strada, Giuda, baròn futtuto,
    ch’a trenta scudi, er maestro,s’era vennuto!
    P’indicallo, je die’ un bacio, er rinnegato,
    e  ar segnale, quelli l’avrebbeno legato,
  quanno, svejiato dar tortòre d’un fetecchio,
    cacciò un marraccio, Pietro,e,je mozzò n’orecchio!
    Quello strillava com’un porco, l’animale!
    e quà, pe’noi tutti se stav’a mette male!
    Ma Cristo, sputò sopr’ar cinìco e  a la gente:
    “L’ho rappiciato”, disse:” Nun è stato gnente!”…
     A ‘sto miracolo,ogni quarsiasi capocchia,
     sarebb’ita in terra, a spellasse le ginocchia!…
     Invece,manco pe’gnente!:Er vangelio,spiega,
     che,quelle canajie,nun fecero ‘na piega!

TEMA: PARLA DELLA NOSTRA SANTA RELIGIONE

 La nostra santa religione, possiede, un Dio padre, un figlio, lo Spirito santo, Gesù bambino, molte Madonne e angeli differenti, sempre che volano e cantano  nei cieli ma, così in alto, che non  li vediamo! Possediamo anche, parecchie  specie di santi, con le candeline accese, per fargli fare i miracoli! Quello che ne fa di più, è Padre Pio, che stà nel nostro giardino! Pure le Madonne ne fanno tanti, ma, alle volte piangono o con le spade nel cuore o senza!  Per tutte queste belle cose, la nostra santa Religione, è la meglio!!

ER PECCATO ORIGINALE, SICONNO BUON SENSO.

“Ve so’stat’a sentì, Padre, ma nun ve seguo proprio! E, se me fate parlà…Ecco!. Dunque: io, nun so’ la” Bontà Infinita” e tanto de meno, la” Summa Giustizia”, ma  da povero scarparo:si un lavorante mio, falla ‘no stivale,nun vado  a pijarmela colli fiji;figuramose co li milionesimi nepoti!!. Certo, je faccio un sacrosanto cazziatone e se er danno nun se ripete, la cosa finisce lì!. Voi me dite invece, che  Lui, pe’ ‘na mela, più meno, me par a me, de un par de scarpe,ha armato ‘sto dannatissimo  casino !!.  Nun riesco,poi, a capacitamme,che,tutta sta “Infinita Sapienza”, ciabbia fatto, conoscenno già, ch’annavamo a scatafascio!….

A meno che, avenno creato, prima, l’inferno,nun je volesse dà uno scopo!!”

IL “BUON CIRENEO” (PARLA IL PROTAGONISTA)

“Facile, dì:”Si te facevi, li fattacci tua”, quanno, nun sapete un cazzo, de com’annò veramente!!…Se me state a sentì, ,mò, ve la stenno!:” Co’quello, che, pe’ sta festa, in città, nun se trova un bucio a pagallo, potevo di’ de no, a mi sòcero,che cià ‘na bella casa,dentro Gerusalemme!?. Dunque, me ne stavo là,spaparanzàto, a passà la Pasqua,,quanno,a l’abbacchio,t’arìva mi cognato,sporco de sangue,co’ la capoccia inguainàta….”Che d’è!?…Ch’è stato!?”….”Che li còrga ‘na saetta!:Proprio sta sera,nun cianno mannato a arrestà un Galilèo ch’a armato ‘na gazzarra ner Tempio!?…Lui,l’ hanno legato subbito…Ma, n’antro, che je stav’appresso,caccia un marraccio,e, cala ‘na botta,che, si nun so’lest’a scansàmme, m’opre la capoccia com’un melone!!…Pe’ fortuna,così, m’ha beccato,solo in de sta recchia!!……Se, l’avèmo preso?:Possin’ammazzallo!:Tanta fu la sorpresa, che, s’è pure squajàto!!”…”E,sto Galileo?”.”Averà er fatto suo!:Lo vojo vède,dimane,a fa’ er bravaccio,su la croce!!”….
“Io ,se posso,d’ordinario,nun me perdo,mai,’no spettacolo:Me so’gustato,sbranamenti coi leoni;capoccie spiacciccate da lionfanti;infirzamènti de gladiatori….Me mancava ‘na crucifissione.Quindi,pe’ godèmmela,andièdi ,bonora, a conquistàmme la posizzione.— Ecchete er cortèo:

Davanti,er notaro der Sinedrio,co’ la tabella de la condanna, poi, er Galilèo,fra mezzo ‘na dozzina de romani,e n’uffiziale. Er condannato, ciaveva, carcàta su la capoccia, ‘na corona de spine,e,ammàzzalo,come te l’aveveno frollato li staffìli!:Ogni tanto, cor legno in spalla,cascava;ma, quelli ,a carci ,te lo riarzàveno,cojonàndolo!—Insomma,me stavo godènno lo spettacolo,quanno, nel passamme davanti,quer catòrcio,patasgnàffete!, de novo, và, longo disteso!— :Er centuriòne,s’impegnò, co’bone frustàte,a tirallo su…Ma,quello,manco pe’ gnente!:era stracotto!!….
“Ei!Tu!”,me fa l’uffiziale,”Viè un po’ qua!”….”Chi!?Io!?…”E,chi,se no?:Tu’ nonno!?”…”Veramente…. me ne stavo annà…….”. ”Poche storie,pe’ Giove!!:Mèttite in spalla sta trave e camìna!!”——Avete inteso, si, che fortuna!?:Io, che me fussi offerto!?:Pozza morì!:Quanno mai!?:Me l’ordinòrno!!….E vède,che mi moje,me l’avev’avvisata! :”Stàtten’a letto!…Nun t’impiccià!”

ER FICO

 

Primi de maggio:er fjo de Dio onnipotente,

 girava, ar solito,a convertì la gente,
 quanno,corto da ‘na callaccia,che nun dico,
 a ristoro, j’offerse l’ombra,un grande fico.
 Quell’omo,certo, er più sapiente de noi tutti,
 se mise a scostà li rami cercanno i frutti…
 Ma,nun sodisfò pe’ gnente,le sante voje,
 chè, a quer tempo, ognun lo sà, so’ solo foje!
 Nun resse,a quell’affronto, la Bontà Infinita,
 che,l’iriverente,maledì,invipirita!….
  “Invece d’incazzatte”,nudo,gridò er tapino,
   “nun potevi fa’con me, com’hai fatt’ar vino?!!”

 

Tema di 4 Elementare:

La Sacra Famiglia

Due vecchietti,Gioachino e Anna, partorirono una bambina, che chiamarono,Maria,e poi, Madonna.

Subito, a quindici anni, la sposarono a Giuseppe, anche se era falegnàme, perché, aveva il bastoncello,più fiorito di tutti!

Lui, da fidanzato, sapeva che Maria, aspettava Gesù Bambino,ma un angelo, gli disse:”Non è niente!”

Per partorirlo, in una grotta, andarono,a Betlemme, dove fiatavano, il bue e l’asinello!

Quando nacque, nella mangiatoia, la stella, che stà sul presepio, fece correre i pastori, con le pecore in braccio! Poi, più piano, arrivarono i Re Magi,’perché avevano i cammelli, pieni di oro, incenso e mirra! Così, suo padre,povero falegname, non fù più povero!! Il cattivo Erode, che era re, gli disse:”Per adorarlo,vorrei saperlo!” Ma, era una finta:voleva tagliarlo a pezzi! Però loro, dubitarono e tornarono per una  strada sconosciuta! Erode, tanto si arrabbiò, che disse:”Tagliatemi i bambini più piccoli!!”…..La Madonna se ne accorse!

Disse a Giuseppe:”Stiamo nascosti,fin, che non finiscono di ammazzarli!” Così, poterono, tranquillamente, fuggire in Egitto.”

 

Racconto: Er miracolo de l’indemoniato. (All’osteria;parla il padrone dei maiali)

“Che d’è lui!? Er Messia!?:Lo possin’ammazzallo!!:Dumila porci cià futtuto!!….Fàteme finì sta fujetta,che,mo’ ve la stenno, com’annò veramente!!. Dunque, sendo che li greci de Sefforis,se màgneno ste bestie,io,e, li mia,mettessimo su n’allevamanto. Se principiò co ‘na decina de scrofe,e,fija che te rifija,quanno capitò da noi,sto predicatore girovago,co’ la su’dozzina de sciamannati,erimo già a dumila capi. Vedenno l’animali provibiti da Mosè,ciattaccò na pippa de morale,che,lèvate!…Stievimo a spiegaje,che nun ereno pe’ noi,ma, pelli greci,quanno,dar paese,sortì urlanno,er matto che conoscemo tutti:Un poveromo,che, a l’improvisa, cià ‘no sturbo de convurso,a gamme e bracci da urlare dal dolore…Pe’fortuna,je dura ,solo quarche minuto……Er nazareno,dovevate vedello!:Se messe a strillà puro lui!:”Spiriti maligni!Sortite da sto corpo!!”,e, intanto je gisticolava intorno….Li compagni sua,zomparon’addosso ar matto,pe’tenello…Ma, co la forza de lo sturbo,quello durava a dimenasse!….Li porci,se sa,so animali curiosi,e,vedenno quer casino,avvicinannose li circonnarono….Uno de li sciammannati,s’impaurì,e,je tirò un grosso sercio….Chi doveva pijà,lo scimunito?!: In t’un occhio,ptoprio er capobranco!!.Er solengo,sqittenno dar dolore,se mette a còre a l’impazzata,e,l’antri,dietro!…Io,e,mi fratello,cercassimo de fermalli,ma,nun ce fu verso!:Quello,mezzo orbo,finì int’un sprofonno,co tutta la torma,e, l’anni de lavoro nostro, appresso!!!… Un miracolo!?:Un bel miracolo der cazzo!!:Quer santone,deve ringrazià,ch’erimo due soli,sinnò:sai le mazzate!!!

 

Tema: la Passione e morte di Gesù – Quarta elementare- Veneto

“Gesù, trionfatore, entrò nella sua città, a cavallo di un’ asina, che, aveva visto da qualche chilometro!—Tutta la gente corse a strappare foglie di palma, dalla gioia!
Con quelle, lo sventolavano, per gridare ”Viva il re dei giudei!”—-Il giorno dopo, portarono, in braccio, l’agnellino, al tempio, per ammazzarlo!.
Lì, era pieno di delinquenti ma, Gesù, li cacciò a cinghiate!!—Poi, tornarono a casa, mangiarono le uova di Pasqua e fecero l’ultima cena, col vino, come il sangue!. C’era anche Giuda traditore, che, nessuno lo conosceva!
Così, Gesù disse: ”Guardate chi poccia!!— Quello, uscì e s’impiccò, con le trenta monete!!
Quando dormivano su gli ulivi, vennero le guardie per arrestarlo!.
San Pietro(che, la spada ce l’aveva!), lo difese, col taglio dell’ orecchio!….Ma, Gesù, tanto che era buono, ci sputò sopra e lo incollò, meglio di prima! Anche se aveva fatto il miracolo, dissero: ”Non ce ne frega!” e lo legarono fino al Sinedrio. Lì, volevano ucciderlo: infatti, erano, quasi tutti, Gran Sacerdoti!!
Loro, lo accusavano ma, lui , rispondeva. Ponzio Pilato, si alzò e, disse: ”Vado a lavarmi le mani, intanto che lo frustate!”. Così, poi, la croce, gli cascava ogni momento, fin che la caricarono sul buon Cireneo, e, arrivarono al Calvario. Là, lo inchiodarono, con altri due ladroni!. Poveretto!: lui, continuava a predicargli. Quello cattivo, si rifiutò ma ,quello buono, disse: ”ti credo!”;perciò, quando morì, fu salvo!!
Gesù, aveva una sete; una sete ,che, si mise a gridare!. Allora, il soldato buono, gli diede da bere una spugna sulla lancia, e finalmente, morì!! Dopo, però, risorse lo stesso!. Fece credere, anche san Tommaso e se ne volò in celo!!

 

La Madonna

Ci avrei gusto de sapè, 
‘sta Madonna,si che d’é! 
E’ la madre de Gesù, 
voi me dite, sor monzù. 
E,va bé: lo partorì, 
 Tutto quà? Finisce lì?. 
  Ch’avrà fatto di per sé, 
  nun é dato de sapè! 
 L’acqua in vino e gnente più, 
je dimanda al suo Gesù. 
 Quànno,lui, risuscitò, 
al sepùlcro,nun cì annò!. 
Dice, poi, che lei fuggì. 
Ita ad Efeso, morì!. 

 

 

 

“Cristo si racconta”

 

“Da ‘n’eternità,me ne stavo a pennicà,tanto bene,manzo, manzo, ne la
“Casa der Padre”, quanno lui, me sveja de brutto e me fa:
“Devi annà, sotto de prescia, t’ho promosso Messia der Popolo
Eletto!”……….Come!?,ho pensato, nun me s’è, mai filato de
pezza! Solo ha creato l’universo, la tera, le piante, l’animali, l’ommo.
Solo, ha inzuppato er monno, cor diluvio,e mò s’aricorda de me, pe’ sto
incarico!?……fusse, che fusse ‘na fregatura!?….
Però, da”Mansuet’Agnello”, ho abbozzato,e so’ sceso……
Er Fijo, de Dio Onnipotente, aveva da nasce’ minimo, in un palazzo, direte
voi,framezzo,’na frega de cuscini….E invece, dove m’aritrovo!??
su la paja! Drento ‘na stalla,mezzo caverna!!….Chi ereno le tate?
Un bove e ‘n’asinello!! Cominciamo bbene!!…..
E’vero ce furono i re magi…..ma,in quella ressa de burrini,’na’visitina e se squaiarono!.
Annamo avanti: Giuseppe, er putativo, co’quello che nun ero fijo suo, appena, se po’ dì,
me ressi in piedi,me mise a bottega, a spaccamme la schiena!: Sega e pialla, pialla e sega!…Pe’ quanto? Trent’anni!!.
Alla fine, so’ scappato ner deserto,a tirà er fiato!…..Che ve lo dic’a fà, nun era er mejo posto!Se campava a cavallette e lucertole…Acqua,quasi gnente pe’ bève’,figuràmose pe’ lavasse!.
Pe’cui,doppo la quarantena,ho scarpinato fin’ar Giordano,pe’sciacquamme.
Ce stava là, un me cuggino,un fissato ch’aveva la manìa,de lavà,tutti quelli de passaggio.
Mentre me strijava,che, manco un somaro, nun te vedo mì padre, tra le nuvole,che sganassava a cojonella!?.
Basta!Sta lavata,m’ha rassettato così, ho deciso de principià a fa er Messia.
“So io,er Messia!:Pentiteve!.predicavo pei paesi,”Mollate tutto e,seguiteme!”.
Sul “Pentiteve”,gli eletti,ereno bastaza d’accordo….E’,er “Mollate tutto”,che nun j’entrava in quele teste de coccio!!.
Allora:daje a dispendià miracoli!: E muta l’acqua in vino, secca er fico, mortiprica pani e pesci, cammina su le acque, fa annegare dumila maiali…
finarmente, so’arivat’a racattà,un gruppetto, quasi tutti pescatori, poca roba ‘na’ dozzina….
Mi madre, quanno le raccontorno er fatto de l’annegamento,già che, me pensava strano, m’ha creduto matto e s’è messa a cercamme
pe’tutte le sinagoghe, tanto, ch’ ho dovuto mannaje a dì:”Tu e i miei fratelli, nun ve conosco!Lassàteme pèrde’!”.
Da un po’ de tempo,girava la voce,che er popolo eletto, pe’levasse dai zarelli li romani,aveva da ammazzà er Messia…
( Ho saputo,doppo, ch’era, ‘na’ pensata de mi padre!).
Pe’ fregà,la concorenza,ciò dato dentro! Ho detto ch ‘avrei distrutto er tempio….Gnente! Ch’ero er re dei giudei….Gnente!.
Insomma, pe’ famme crucifige’, ho dovuto armà,tanto de gazzarra,ner tempio!….Che me dite? Pilato?
Si,quasi me rompeva l’ova ner paniere ma,pe’fortuna, se lavò le mano!.
Poi,le cose,s’ingarbuieno. Ero morto,nun ero morto,resuscitai….
M’aricordo,solo,che tornato a la “Casa der Padre”, m’aspettavo, armeno un”Bravo!” e invece, beccai un cazziatone,che lèvate!
“Come!? T’avevo mannato,a fa er Messia al mio popolo,e tu, te sei fatto seguì,da tutti fuor che da loro!!”
……Vajelo a dì’,che,nun è stata corpa mia! Che l’ artri,l’aveva fatti san Paolo!!…..
Eh! Quanno se mette in testa, na’ cosa, er vecchio!…Pazienza ce vo’!!…..
Ah!perché,parlo romanesco?: E so’ dumila anni,che vado su e giù,da Roma,pe’lavoro!.

 

 

“San Tommaso”

Quanno,ner cenacolo,Gesù discese,

pe’ mostraje a loro, che nun era morto,
se misero a strillà:”e’ risorto! E’ risorto!!,
tutti, meno uno,che,nun era ner paese.
Quell’invasati, poi, je lo raccontòrno;
ma,lui, nun se mostrò, pe’gnente appersuàso:
“Lo vojo sapè, sangue, n’aveva intorno?.
Che me state a dì’? Poco n’era rimàso?
Der longino, se podèa vedèr, el segno?
e….nun v’ha lassato quarche cosa in pegno?”.
Tutta de un tratto, scricchiolò, na porta…
e, venne dentro,un co’ ‘na cera smorta:
“Mommò,te faccio,vède,caro Tomàso!:
Si vòi, de sangue, te ne ricaccio, un vaso!.
Tòcchime er costato! mèttice ‘na mano!:
Nun senti,che quà, c’è un bùcio, sano,sano!?!”

“Annunciazione”

“….E,lo Spirito,ingravidò Maria…”

                            Subbito che l’arcangelo l’intese,
                            p’esser er primo ambasciatòr cortese,
                            se fionnò,giù,ner monno a capofitto;
                            entrò da na finestra,e,zitto,zitto,
                             la corse,tutta assorta,che,pe’svario,
                             leggeva la compièta,sur breviàrio.
                             Rassettata la vesta;a capo chino,
                             se palesò com’essere divino….
                             “V’aringrazio,proprio,mio ber zitello!”
                              rispose la vergine,co’un sorriso;
                              “Scomodàsse così dar paradiso!.
                               Ma….prima de voi,quà,ce fù un uccello!”